Il Piano regionale rifiuti

Aprile 2014. La Giunta regionale approva il Piano veneto dei rifiuti, ma il Consiglio regionale non lo ratifica. Senza il Piano non è possibile completare Ca’ del Bue. Urbaser, azienda vincitrice della gara con un investimento di 118 milioni per realizzare l’impianto, minaccia la richiesta danni (3 milioni). AGSM chiede al TAR una Commissione ad acta per fare il Piano. E’ guerra.

Novembre 2014. La Regione discute il Piano rifiuti. Finalmente. Il testo prevede un aumento del riciclo, lo stop a nuove discariche e a nuovi termovalorizzatori oltre a quelli di Padova e Schio e a quello programmato a Ca’ del Bue, il quale però, secondo gli studi degli uffici, non è necessario per il fabbisogno veneto. Paternoster: “Ca’ del Bue è nel Piano. La Regione confermi la potenzialità dell’impianto nei termini previsti dalle delibere del 2006 e del 2007. Insistiamo perché Urbaser intima a AGSM di “avviare tutti gli adempimenti ai fini di giungere all’approvazione definitiva del progetto preliminare e alla sottoscrizione della convenzione”, pena una richiesta di risarcimento”.

Bonfante: “L’inceneritore di Fusina (VE) è stato chiuso. Quelli di Schio e Padova sono più che sufficienti per fronteggiare le esigenze del Veneto di qui al 2020. Ca’ del Bue è fallito e inutile. Eppure la Regione lo inserisce nel Piano rifiuti. Per togliere dagli impacci Tosi e Paternoster?”

Cigolini: “La Regione ci dica quanto bruceremo. Ci muoveremo di conseguenza. Stiamo adeguando la linea di selezione, in modo da puntare al recupero del materiale che oggi va in discarica”.

E’ la volta buona? No.

Il Piano slitta a dicembre 2014. AGSM scalpita: vuole la risposta.

PD: “Sulla gestione rifiuti Tosi, Paternoster e Cigolini sprofondano la città nell’incertezza”.

Febbraio 2015. Cigolini scrive al Ministero dell’Ambiente e candida Ca’ del Bue quale “impianto strategico di preminente interesse nazionale”. Se la richiesta sarà accolta, l’impianto brucerà rifiuti solidi urbani e, in caso di necessità, rifiuti pericolosi provenienti da ogni angolo d’Italia. “Se la Regione non rispetterà la programmazione, la candidatura ad impianto strategico, non fatto per bruciare rifiuti pericolosi, è ipotesi sostitutiva”.

Finalmente! Il 29 aprile 2015, il Consiglio veneto approva all’unanimità il Piano rifiuti. Basta discariche. Ca’ del Bue c’è. Paternoster esulta: “Bene il Piano. Ca’ del Bue va avanti con la soglia minima: 150.000 tonnellate”. Bonfante: “Il 76% di riciclo lo rende inutile”.

E’ la volta buona? No

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Cà del Bue, Inceneritore, Regione Veneto, Urbanistica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...