Archivi categoria: Aeroporto Catullo

Il fallimento dell’Amministrazione Tosi si fa evidente

Sarebbe stato necessario e onesto che il Sindaco:

– facesse presente ai cittadini che poteva realizzare una piccola parte di quanto programmato e spiegasse che, data la situazione finanziaria, il Comune non era nelle condizioni di operare secondo le sue aspettative;

– chiedesse collaborazione a favore dei più deboli, delle famiglie, delle aziende;

– indicasse le priorità, tra i tanti progetti, per evitare che, volendo fare tutto, rischiasse di fare niente.

Sul piano economico si procede nel buio. C’è chi ha denunciato questa situazione, ma il Sindaco si muove in proprio e mostra la città dei nostri sogni.

Alcune note preoccupanti:

– Nel programma 2013, l’Amministrazione si propone di “evitare sprechi, inefficienze e incarichi costosi”. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Aeroporto Catullo, Elezioni comunali 2017, Parere di Tito Brunelli

Valutazioni di Tito Brunelli: Il futuro può sorridere

Non tutto il male viene per nuocere” Le scelte compiute dal tandem Paolo Arena – Carmine Bassetti e dai soci, dopo il fallimento della gestione Bortolazzi – Soppani vanno o no nella giusta direzione?

Difficile rispondere perché non possiamo verificare dove avrebbe portato il progetto “Aeroporti del Garda”, con la centralità di Verona, la collaborazione (mai esistita) di Brescia e la partecipazione insostituibile di Trento, Bolzano, Mantova, Vicenza. Potenzialità notevoli, ma la diffidenza mortale tra Verona e Brescia ha fatto cadere il progetto. Colpa nostra. Nessun rimpianto perciò.

Non abbiamo potuto verificare il possibile dialogo con Monaco di Baviera e con aeroporti tedeschi, sulla base del legame profondo tra la Germania a l’area del Garda. Non si è neanche provato. Decisione nostra. Nessun rimpianto perciò.

Il dialogo con la Lombardia non è neppure cominciato. Ci siamo limitati a sgambetti e lotte giudiziarie. Colpa nostra e del nostro timore di Veneti nei confronti della potente Lombardia. Non è chiuso però questo percorso. Marchi lo vuole riprendere, per arrivare alla gestione unitaria del D’Annunzio da parte di Sacbo (Bergamo – Orio al Serio) e di Venezia-Verona, con l’obiettivo (chiaro, da parte di Marchi), di puntare al Polo aeroportuale del Nord Italia, con una presenza forte di Marchi stesso.

Un punto è chiaro: la rottura degli schemi precedenti e il progressivo formarsi del Polo aeroportuale del Nord Est (Venezia, Treviso, Verona, Montichiari e, in previsione, Lubiana), è una novità in Europa: una novità forte, con una guida forte. Può nascere una presenza grande, di cui fa parte anche il Catullo: un tassello di un grande mosaico: una parte, non una guida (come sarebbe potuto essere in “Aeroporti del Garda”). Se tutto va bene e si è capaci di valorizzare tutti, il futuro sarà positivo, forse radioso. Dipende da noi.

Il primo passo è che Verona si metta in gioco tutta intera, superando le attuali divisioni, altrimenti i rischi di diventare marginali sono forti.

Viva il sistema Verona!

1 Commento

Archiviato in Aeroporti di Verona, Aeroporto Catullo, Aeroporto D'Annunzio Montichiari, Commenti, Riflessioni

Una favoletta

La ripropone Giuseppe Brugnoli su L’Arena del 15 ottobre scorso.

“Viene in mente la vecchia storiella della volpe che, vedendo una gallina spennata in bella vista, attaccata al gancio di un secchio sul pozzo, balza nel secchio per papparsela. Ma il recipiente cala rapidamente fino in fondo al pozzo. Mentre pensa come cavarsela, prima dell’arrivo del contadino, vede un’ombra affacciarsi sull’orlo del pozzo. E’ il suo compare lupo. Subito la volpe lo invita a infilarsi nell’altro secchio in superficie e a scendere fino in fondo, a dividersi il pollo. Quando il lupo che scende incrocia la volpe che sale, chiede spiegazioni di che cosa sta succedendo. La volpe, abbracciando il pollo, gli dice: “Amico caro, il mondo è fatto a scale: c’è chi scende e c’è chi sale”. Forse al Catullo non è andata proprio così, ma le assomiglia”.

Venti anni fa era il Catullo candidato a capeggiare un’intesa veneto-lombarda-trentina per una rete aeroportuale di rilievo europeo. Le cose sono andate diversamente: altre idee, altri soldi, altre volontà, altre persone. Oggi alla testa c’è Save, di Enrico Marchi.

Lascia un commento

Archiviato in Aeroporti di Verona, Aeroporto Catullo

Un’altra “fuga”, significativa

Nel nuovo CdA della “Catullo spa” emerge la figura nuova dell’Amministratore Delegato, nella persona di Paolo Simioni. In questo contesto matura la decisione del direttore generale della “Catullo spa” Carmine Bassetti di rassegnare le dimissioni. “Non venivo più coinvolto nelle decisioni; venivo a sapere le cose dai giornali. E’ così. Succede quando c’è uncambio di proprietà. Nessuno scandalo. Un esempio: stavo lavorando per portare compagnie su Brescia, trattavo con Dhl. E ho appreso della trattativa con Sacbo. Il più grande rammarico? I lavoratori cassintegrati”. E’ un bruppo colpo per Paolo Arena, che lo ha assunto, per soli meriti curriculari, nel momento più buio del catullo, quando gli stessi revisori vedevano a rischio mla continuità dell’azienda. “Lascio un’azienda risanata con un lavoro oscuro. Abbiamo passato nottate e festività al lavoro per ottenere questi risultati. Ora mi rimetto sul mercato”.
I veneziani impongono le strategie. Dov’è Aerogest? Dove sono Verona e Trento?

Lascia un commento

Archiviato in Aeroporti di Verona, Aeroporto Catullo

Rilievo di Tito Brunelli: Come si spiega il fuggi fuggi ?

Ciò che succede a Verona è difficile da capire e da motivare. Pare che “Catullo spa” stia compiendo scelte decisive, capaci di produrre risultati di rilievo: con l’ingresso di Save nella compagnia cresce il capitale sociale; si è mosso Unicredit (ottimo) per un accompagnamento economico; entra la compagnia Neos. Bene. Vi va verso il Polo del Nord Est. Molto bene.
Come si spiega, in questa situzione, che Meridiana lasci l’aeroporto Catullo di cui da anni è protagonista? Perché AirOne non è più al Catullo? Perché la Provincia autonoma di Bolzano, socia fin dall’inizio, esce dalla “Catullo spa”? Perché la Provincia di Mantova, per anni a fianco dell’aeroporto Catullo, fa la stessa scelta? Perché Camera di Commercio di Brescia esce dalla compagnia? Perché il Comune di Villafranca, nel cui territorio si colloca il Catullo, vende quasi tutte le azioni dell’aeroporto? Non è tutto. Succede qualcosa di più grave che, ci auguriamo, qualcuno spiegherà: Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Aeroporti di Verona, Aeroporto Catullo, Aeroporto D'Annunzio Montichiari, Commenti, Riflessioni

Rilievo di Tito Brunelli

                                         “Viva il sistema Verona”

Si è sbandierato questo slogan quando tutte le componenti politiche ed economiche della città si erano recate a Roma per spiegare e ottenere la concessione quarantennale dell’aeroporto di Montichiari alla “Catullo spa”. Successo, si ripeteva, dovuto al fatto che a Roma c’era tutta la città: a tutta Verona è andato ilo merito. Almeno nelle decisioni importanti, questo comportamento dovrebbe essere la norma.

Invece …

In tutti i passaggi successivi, le trattative sono state condotte dal mondo dell’economia veronese e dalla maggioranza di Centro Destra. Centro Sinistra, Movimento 5 Stelle e partiti minori neppure sono stati interpellati. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Aeroporti di Verona, Aeroporto Catullo, Aeroporto D'Annunzio Montichiari, Commenti, Riflessioni

Rilievo di Tito Brunelli: Assunzioni

Restano impresse le affermazioni, mai smentite, mai tacciate come non veritiere, di Bortolazzi: “Nelle segreterie dei partiti c’è un elenco di incarichi e posizioni in cui i politici possono piazzare i loro uomini. Giocano come con le figurine. Spartiscono tutto: dal presidente all’operaio. Se occorre un lavoratore e sono implicati tre partiti alla fine devi assumerne tre. Gli amministratori nominati dalla politica alla politica rispondono. Nel CdA c’erano e non c’erano”.

Bortolazzi e il direttore Soppani, quando cominciano a temere per se stessi, per spiegare le spese eccessive, parlano di assunzioni dubbie; di partiti che si spartiscono i posti; di vitalizio agli ex amministratori, di politici che pretendono assunzioni, cioè stipendi. Parlano di stipendificio. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Aeroporto Catullo, Aeroporto D'Annunzio Montichiari, Assunzioni di favore, Commenti, Riflessioni