Archivi del mese: febbraio 2012

Bussolengo: riuscirà l’Amministrazione a sopravvivere?

da “Un viaggio nella Lega Nord” (14)

Il fallimento della Lega Nord nei Comuni del veronese. Non solo Bovolone, Nogara e Legnago ma anche Bussolengo.

Fatti rilevanti a Bussolengo, a fine 2011. Riuscirà l’Amministrazione a sopravvivere?

1.- La Cassazione assolve il Comune.

La Procura di Verona ha indagato il Sindaco e ha apposto i sigilli all’ex cava Ferlina.

Il Tribunale del Riesame scaligero ha confermato.

In ottobre la Cassazione annulla l’ordinanza del Tribunale di Verona e rinvia la questione allo stesso Tribunale per un nuovo esame.

In dicembre viene resa nota la sentenza della Cassazione: “Gli indizi non vengono indicati e appaiono inverosimili”. Cadono le accuse di abuso d’ufficio e truffa.

Il pubblico ministero Valeria Ardito prende atto.

Vengono tolti i sigilli all’ex depuratore di cava Ferlina.

Il sindaco Mazzi: “La sentenza smonta definitivamente le accuse. Sono rilevanti i danni alle persone coinvolte e al bilancio comunale. Chi rimborserà la collettività? Riparte l’iter per edificare la zona”.

* Gli indagati restano sotto inchiesta per presunta realizzazione della discarica abusiva nell’area dell’ex depuratore: sarebbero responsabili della presenza di rifiuti solidi, come plastica e mattone e dei resti della demolizione delle vasche di accumulo dell’ex depuratore, in mancanza del titolo abilitativo (l’autorizzazione è della Provincia). I difensori li ritengono estranei perché non si sa chi ha lasciato in quell’area i rifiuti speciali non pericolosi.

2.- La maggioranza leghista traballa abbattuta dalla Lega Nord. Lega contro Lega

Fine novembre. Salta il Consiglio comunale: mancano sette Consiglieri leghisti, ufficialmente per divergenze sul bilancio di previsione. Segnale al sindaco Mazzi. Amministrazione immobile. Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Riflessioni, Un viaggio nella Lega Nord

Possiamo stare fermi e assistere a quanto non accade?

da “La Verona del sindaco Flavio Tosi”  (27)

Marzo 2010. Perfino i costruttori edili, tra i maggiori sostenitori del sindaco Tosi, sono pronti a scendere in piazza. Lo minaccia il presidente Andrea Marani: “Siamo esasperati, stufi, esausti. Tutti i paesi del mondo per combattere la crisi puntano sulle opere pubbliche, tranne l’Italia. Se i lavori non partono subito andremo in piazza a manifestare. E’ inutile che gli amministratori ci vengano a dire che non possono sforare il patto di stabilità. Non ci interessa. Il settore ha già perso 250.000 posti di lavoro in Italia. I Sindaci devono sforare il patto di stabilità perché migliaia di imprese sono fallite e altrettante stanno piangendo. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in La Verona del sindaco Flavio Tosi, Riflessioni

Le indagini sulla discarica di Bussolengo suscitano grane politiche

 

da “Un viaggio nella Lega Nord” (13)

Il fallimento della Lega Nord nei Comuni del veronese. Non solo Bovolone, Nogara e Legnago ma anche Bussolengo.

Febbraio 2011. L’inchiesta sulla discarica abusiva a Bussolengo fa scoppiare un’altra grana. Dopo la decisione del Riesame di non dissequestrare l’area, si riacutizza il regolamento di conti nella Lega e nella lista civica che sostiene la maggioranza.

Le opposizioni presentano una censura nei confronti di Francesco Bussola, assessore ai lavori pubblici, indagato con il Sindaco e altre cinque persone. Muro contro muro: i vertici della locale Lega chiedono la testa dell’assessore. Bussola, vicino al partito di Bossi (“Fino all’anno scorso aveva anche la tessera”, assicurano in Comune), è stato eletto in una lista civica creata ad hoc per sostenere il Sindaco leghista, ora mediatore tra Bussola e la Lega. Ultimatum: Bussola si dimetta o gli siano revocate le deleghe. Il Sindaco: “L’assessore gode della mia fiducia. Le tensioni hanno poco a che fare con l’inchiesta della Procura e molto con gli interessi politici”. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Riflessioni, Un viaggio nella Lega Nord

Così va avanti l’Amministrazione: L’hotel Lux

Riporto parte di un mio scritto del 7 marzo 2008 sull’ex hotel Lux:

“E’ opera apripista dell’Amministrazione Tosi. Luciano Lonardi ha acquistato l’immobile e l’area circostante nel 1985 proponendosi un rilevante intervento edificatorio. Le sue richieste alle Amministrazioni che si sono succedute vanno al di là di quanto consentono le norme che il Comune si è dato. Nessuna perciò ha concesso l’autorizzazione a costruire. In seguito a un intervento del TAR, l’Amministrazione Zanotto prepara la pratica, ma non conclude. Il neo sindaco Tosi, in pochi giorni, dà il via libera per un albergo di 4 pian; dichiara: “La Giunta Zanotto ha perso tempo. Noi abbiamo fatto la fotocopia della delibera della passata Amministrazione, bocciata dal precedente Consiglio comunale, ma approvata dal TAR. Si pone fine a una piaga sociale che portava degrado e insicurezza”.

* Una domanda mi ponevo e mi pongo: come si comporterà l’Amministrazione se altri proprietari faranno richieste simili? I volumi del nuovo Lux sono stati quasi triplicati rispetto a quanto previsto dal piano regolatore. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti

Il fallimento della Lega Nord nei Comuni del veronese: Bussolengo

da “Un viaggio nella Lega Nord” (12)

Il fallimento della Lega Nord nei Comuni del veronese. Non solo Bovolone, Nogara e Legnago ma anche Bussolengo.

Alviano Mazzi, della Lega Nord, è al secondo mandato: Sindaco da 8 anni.

Marzo 2010. La Bussolengo leghista, sull’esempio del Comune (leghista) di Legnago, si aumenta la paga: più 10% per Sindaco e Assessori, per circa 50.000 euro. Effetto immediato. Con arretrati. Stupiscono l’inopportunità della decisione in periodo di crisi economica e la spavalderia di farlo in campagna elettorale. Segno che si pensa che il tempo dell’indignazione sia consegnato al passato. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Riflessioni, Un viaggio nella Lega Nord

Provate a elencare cinque opere di rilievo fatte da Tosi

Lettera a l’Arena, non pubblicata.

“In Verona”, quotidiano diffuso gratuitamente in città, il 7 febbraio 2012 riporta questa notizia:
“Il Consiglio comunale si riunisce giovedì 9 febbraio – ore 17. Ordine del giorno:

1) Francesca Briani, presidente del “Comitato di Verona” dell’associazione nazionale “Venezia Giulia e Dalmazia”, commemorerà il Giorno del Ricordo, dedicato alla tragedia delle foibe e all’esodo giuliano – dalmata;

2) approvazione dei verbali delle sedute consiliari dal 6 settembre al 23 dicembre 2011; Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti

Un quesito a Stefano Bertacco, commissario nel Comune di Legnago

da “Un viaggio nella Lega Nord” (11)

Tito Brunelli pone un quesito a Stefano Bertacco, commissario nel Comune di Legnago:

è ammissibile e possibile che una sola persona ricopra gli incarichi di Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Verona, di coordinatore locale del Popolo delle Libertà e di commissario in un Comune impegnativo come Legnago?

Io sono stato per tre anni Assessore si Servizi Sociali del Comune di Verona. Ero impegnato dalle 13 alle 15 ore al giorno, compresi il sabato e la domenica e non ce la facevo a curare come doveroso gli impegni dell’Assessorato.

Come può lui assolvere a tre compiti tanto impegnativi? Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Riflessioni, Un viaggio nella Lega Nord