Archivi del mese: ottobre 2013

Il ricavato della vendita di immobili pubblici.

Dalle vendite immobiliari riportate negli articoli precedenti il Comune ha ricavato:

Immobili venduti dal Comune a Cariverona:                                 92 milioni
Immobili ristrutturati da Cariverona,
rimasti in proprietà del Comune                                                           60 milioni
 Immobili venduti a privati                                                                    24.650.000
Immobili venduti a AGEC e ATER                                                        16 milioni
           Totale                                                                         192.650.000 Continua a leggere
Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Eredità Tosi

Intenzioni di vendita non arrivate a conclusione.

Aste deserte:
  –  Bon Brenzoni,
  –  ex convento di San Domenico, sede dei Vigili urbani. Probabilmente rimarrà tale;
  –  Palazzo Pompei (valutato 4 milioni);
  –  un terreno a destinazione agricola in Fondo Frugose, a San Michele; valore: 2.900.000;
  –  ex scuola elementare Scopella, a Cadidavid. Base d’asta: 240.000 euro.
E’ rimasta nelle intenzioni la vendita di sedi di uffici comunali: 
  –  Palazzo Pirelli, sedi dell’Anagrafe, Edilizia privata, uffici nella cinta muraria. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Eredità Tosi

Primo: vendere.

Il Comune di Verona, per avere soldi da spendere,
     – vende alla Fondazione Cariverona:
–  Castel San Pietro (sindaco Zanotto)                                              11   milioni
–  Palazzo Forti                                                                                           33  milioni
–  Palazzo del Capitanio                                                                          18   milioni
–  ex Magazzini Generali                                                                         30  milioni
Cariverona ha finanziato la ristrutturazione di:
–  Palazzi Scaligeri                                                                                     30  milioni
Restano proprietà del Comune, in comodato gratuito a Cariverona per 20 anni.
–  Biblioteca Civica                                                                                    30  milioni
Biblioteca Civica e Scavi Scaligeri restano di proprietà del Comune.
Vantaggi per il Comune in conseguenza della vendita:
-economico: incassa parecchie decine di milioni;
-sociale: Cariverona garantisce (fino a quando?) che gli immobili acquistati conservano la loro funzione; restano in orbita pubblica; vengono utilizzati come  musei e aree espositive.
       –  vende  a  privati:
–  Siemens: tramvia                                                                                        10 milioni Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Eredità Tosi, Senza Categoria

Obiettivo permanente dell’Amministrazione Tosi: recuperare soldi

I soldi in arrivo da Stato e Regione Veneto diminuiscono drasticamente. Decisioni dell’Amministrazione Tosi, in sei anni, per avere soldi in cassa, da spendere.

Dati che aiutano a capire il pensiero e l’azione del sindaco Tosi su un’esigenza centrale di ogni Amministrazione: avere soldi a disposizione.
Dicembre 2007. La nuova Amministrazione Tosi presenta il suo primo bilancio, per l’anno 2008. Decide di approvarlo e votarlo entro il 31 dicembre 2007. Succede un fatto mai accaduto: dopo che le commissioni comunali avevano dibattuto la proposta di bilancio per due mesi, poche ora prima della votazione conclusiva, nell’impossibilità perciò di un confronto per mancanza di tempo, il sindaco Tosi presenta un “ordine del giorno” che autorizza la vendita di significativi immobili di proprietà comunale: l’ex caserma Principe Eugenio, il bar Borsa, i palazzi Forti, Pompei e Gobetti, l’ex convento San Domenico (sede di quelli che allora chiamavamo Vigili urbani) e altri minori. Per ognuno l’Amministrazione stabilisce la cifra per la vendita, segno che da parecchio tempo il tema era all’attenzione degli Uffici comunali.
Due  anni dopo avviene la stessa cosa per Palazzo del Capitanio.
L’aver deciso di non dibattere l’argomento, mostrando la vendita come ‘obbligatoria’, è segno della determinazione del sindaco Tosi di vendere a ogni costo patrimoni pubblici. Si sa infatti che se il Consiglio comunale non avesse votato secondo la volontà del Sindaco, l’Amministrazione sarebbe caduta e si sarebbe tornati al voto popolare.
In sintesi: il sindaco Tosi aveva deciso da tempo di vendere immobili pubblici appetiti. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Eredità Tosi

Nota di Tito Brunelli: Tante o poche le opere realizzate dall’Amministrazione Tosi ?

Ce lo chiediamo insieme, con una verifica che parta dal singolo quartiere e dalla Circoscrizione di residenza: che cosa è cambiato, per merito dell’Amministrazione, negli ultimi sei anni? Quali opere sono state realizzate? Proviamo a farne l’elenco.

Lasciando da parte gli interventi ordinari, come l’asfaltatura delle strade e la cura dei sottoservizi, che cosa è cambiato, per intervento dell’Amministrazione Tosi (quella che doveva rivoltare la città come un calzino) a livello cittadino?

I risultati della “Giunta del fare” sono quasi invisibili.

Una scommessa: confrontiamo le opere portate a termine dall’Amministrazione Tosi e le opere realizzate dai Servizi sociali del Comune nei tre anni del mio assessorato. Sono più numerose e visibili queste seconde rispetto a tutte le opere dell’Amministrazione Tosi.

Eppure molti veronesi dicono che questa Amministrazione ha fatto molto.

Potenza della comunicazione, dei mass media, di bravi propagandisti!

A meno che si ritengano opere gli annunci, a partire da traforo, filobus ed ex Cartiere.

Quando alle persone ammirate del “grande lavoro” dell’Amministrazione Tosi si chiede: “Faccia un elenco degli interventi nel territorio dove abita e in città”, cala il silenzio. Il sindaco Tosi ha saputo scegliere bravi comunicatori; ha saputo utilizzare le sue capacità dialettiche; si è presentato bene. Ma si è fermato lì: alle parole e agli annunci.

La prova chiara: andiamo a leggere, nel bilancio preventivo, il programma degli interventi che il Sindaco, nel dicembre 2007, si è impegnato a realizzare negli anni successivi:

-traforo delle Torricelle,

-spazi per la Fiera, nel territorio già assegnato al Polo Finanziario che viene cancellato,

-filobus per il trasporto di massa,

-recupero dell’ex Arsenale,

-abbattimento e riqualificazione delle ex Cartiere,

-utilizzo e riqualificazione dell’ex Passalacqua. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Eredità Tosi

Arco dei Gavi e ripresa dei cantieri.

–  Arco dei Gavi

I lavori che interessano l’Arco dei Gavi, d’epoca romana, e l’area circostante terminano a fine ottobre 2013:  il monumento, costantemente illuminato, sarà restituito a veronesi e turisti, ripulito e restaurato, su un basamento di pietra bianca della Lessinia, circondato da un’area verde. Di notte l’area sarà recintata e tenuta d’occhio. La pavimentazione a mosaico di epoca romana, di cinque metri per tre, tornata alla luce durante i lavori, è stata rimossa e sarà esposta agli Scavi Scaligeri. Si sta completando il nuovo parapetto sull’Adige che alterna lastre di vetro e lastre di marmo, con l’intento di offrire la vista del panorama verso la Campagnola e di rendere il monumento visibile anche dalla sponda opposta dell’Adige. Il tratto in muratura tagliato sarà sostituito con pannelli di cristallo antisfondamento. Rimarrà visibile la parte dell’antica via Postumia, solcata dai carri romani, sulla quale l’Arco è stato eretto. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Eredità Tosi

Verso la Cittadella dello Sport, alla Spianà.

Sono 1.200.000 mq di verde, in parte di proprietà comunale; il resto di proprietà privata, spezzettata tra molti proprietari. L’architetto Arrigo Rudi progettò l’intera area a parco pubblico.

L’Amministrazione Tosi decide di privatizzare i 700.000 mq di sua proprietà destinandoli a parco sportivo per atleti, famiglie e bambini. Assessore Giacino: “L’accordo tra pubblico e privato è l’unico modo per eliminare il degrado dell’area e per avere opere pubbliche: la presenza di attività sportive e ricreative garantisce presidio e controllo”.
Spesa (sostenuta da privati) per l’intero intervento: due milioni. Per i primi lavori: 650.000 euro.
Prima opera, per 180.000 euro: percorso per bici da cross (impianto di BMX): pista olimpica tra le più belle d’Italia, con una rampa di partenza (ne seguiranno altre). Ha ospitato i campionati italiani. L’area resta comunale, in concessione a Team Verona. Assessore Giacino: “Primo passo verso il recupero dell’area”. Sono previsti il Palaghiaccio, piscine, campi da golf, da tennis e da bocce. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Eredità Tosi