Archivi del giorno: 16 luglio 2016

Commissione parlamentare

Ottobre 2014. La Commissione parlamentare d’inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esso correlati, presieduta da Alessandro Bratti, è a Verona per due giorni e mezzo. Visiona la discarica di Ca’ Filissine e l’inceneritore di Ca’ del Bue. Ascolta tecnici inquirenti, investigatori e associazioni; analizza la situazione di Verona, Vicenza e Belluno, in particolare Rotamfer e Stabila, a Ronco. Le criticità sono molte, qualcuna inquietante, con una rete illegale intessuta sul rapporto tra enti privati e pubblici: una ‘malavita’ senza l’apice, al momento, dell’infiltrazione mafiosa. Bratti: “Il quadro merita attenzione; il panorama preoccupa; il territorio è ricco e i rifiuti sono un affare”, spesso illegale. Rilievi gravi su Ca’ del Bue: “Impianto datato, con tecnologia di fine anni ’80, mai partito; segno di qualcosa che non ha funzionato. Approfondiremo illeciti di carattere amministrativo e penale. Una recente indagine ha coinvolto alcuni funzionari della Regione: avrebbero avuto rapporti con aziende interessate alla gestione del ciclo dei rifiuti”.

Legambiente: “In Veneto il fatturato nel mercato illegale dei rifiuti speciali è di 149 milioni: primo posto in Italia. E’ da verificare la responsabilità di professionisti, imprenditori, funzionari, tecnici: quell’area grigia in cui prendono forma accordi collusivi e comportamenti opportunistici. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Cà del Bue, Inceneritore, Urbanistica