Archivi tag: Catullo s.p.a.

La posizione del Partito Democratico (continua)

– Bertucco: “Il sindaco Tosi concentri l’attenzione sul futuro del Catullo. Mancano le strategie, come l’idea di area metropolitana che preveda l’aeroporto come riferimento di molti.
Ci sono luoghi deputati a discutere di questi temi? La Giunta? La Lega Nord? Il CdA Autostrade? Il bar dove Tosi prende il caffè con Gamberale? Verona avrebbe proprio bisogno di un sindaco. Nessuna svolta con la gestione Arena: continuano il rinvio dell’azione di responsabilità nei confronti del CdA Bortolazzi, il calo dei passeggeri; il debito alto; le strategie di rilancio perdenti, che privilegiano attività non avio: centri commerciali, supermercati, ristoranti, parcheggi: come Bortolazzi. Fatto grave: il trasporto merci è sempre fermo. Chiediamo un partner industriale con soldi e competenze, da individuare con bando internazionale, che guardi verso il Nord Europa”.
Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Aeroporti di Verona, Aeroporto Catullo, Aeroporto D'Annunzio Montichiari

La posizione del Partito Democratico

“La posizione geografica di Verona è gioiello raro. Il Catullo non può essere succursale di Milano o di Venezia, che hanno interesse a mantenere in serie B il sistema aeroportuale del Garda; deve guardare a Nord. Il nostro orizzonte è l’Europa. L’asse del Brennero (Monaco, Francoforte, Berlino) è da sempre nostro spazio di sviluppo. Vocazione di Verona è collegare l’Italia al cuore dell’Europa. Guardiamo alla Germania, perché investa sul sistema degli “Aeroporti del Garda”, entrando nella compagine societaria della “Catullo spa”.

La selezione del partner privato deve avvenire attraverso bando internazionale, per valutare offerte e proposte: un socio industriale, non finanziario. Una gara europea costringe tutti a giocare a carte scoperte. Potrebbero spuntare investitori extraeuropei. Si può attirare su Montichiari un quarto delle merci verso la Germania.

Si proceda con Verona, Trento, Bolzano, con l’86% delle quote. Basta con Brescia (Brescia risponde: “Basta con Verona”)”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Aeroporti di Verona, Aeroporto Catullo, Aeroporto D'Annunzio Montichiari

Posizioni di politici e di forze politiche

(alcuni sono tra i responsabili dei danni arrecati ai nostri aeroporti e ai cittadini)

– Flavio Tosi, sindaco di Verona: “L’aeroporto è importante per le ricadute economiche sulla città. Se si chiedono finanziamenti aggiuntivi, il Comune farà la sua parte. Apriamo ad altri soci e investimenti, sapendo che abbiamo due aeroporti: uno con vocazione prevalentemente a cargo e uno a passeggeri. Proposte: Vito Gamberale, con Sea (Malpensa, Linate) o Enrico Marchi, con Save (Venezia, Treviso) o investitori stranieri. Valuteremo offerta economica e piano industriale”.

Giovanni Miozzi, presidente della Provincia: “La “Catullo spa” deve stringere alleanze, meglio con una gara, per verificare chi è interessato a comprare sue quote. La Provincia ha finanze limitate; non è in grado di sostenere l’azienda né di garantire una proposta di lungo termine. Meglio che venda le sue quote ed esca dalla compagine azionaria”.

Luca Zaia, presidente della Regione Veneto:

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Aeroporti di Verona, Aeroporto Catullo, Aeroporto D'Annunzio Montichiari

Viva! Viva! Catullo e D’Annunzio insieme, per 40 anni

Evento atteso, voluto, di importanza fondamentale: il Governo italiano ha approvato la concessione di Montichiari alla “Catullo spa”: due piste, ciascuna con una specializzazione, e un unico sistema. Per rilancio e sviluppo servono 50 milioni nei prossimi 5 anni. Le ipotesi per recuperarli sono tre:

– un aumento di capitale, da chiedere ai soci;

– un partner fino al 49%;

– una gara internazionale, in linea con gli obiettivi dello sviluppo.

In concreto:

– i soci non sono nelle condizioni di versare somme consistenti;

– la gara è rischiosa ed esige tempi lunghi;

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Aeroporti di Verona, Aeroporto Catullo, Aeroporto D'Annunzio Montichiari

Anno 2013. Grandi novità e prospettive

Un negativo gennaio. Il ministro Passera vara il riordino degli aeroporti italiani. Dieci sono di interesse europeo; una ventina, tra cui il Catullo, sono di interesse nazionale; altri passano alla competenza delle Regioni. Il resto è cancellato. Non saranno aperti nuovi scali. Montichiari è tra i cancellati. L’eventuale rilancio è affidato alla Regione Lombardia: potrà chiuderlo o cercare una diversa destinazione.
Doccia fredda sul sistema “Aeroporti del Garda”. Verona ha gettato al vento 160 milioni. Danni pesanti per Fiera, festival lirico, turismo …
Partito Democratico: “Queste macerie sono l’eredità del sindaco Tosi alla città. Si deve andare avanti, ma chi finanzierà il rilancio?”.
Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Aeroporti di Verona, Aeroporto Catullo, Aeroporto D'Annunzio Montichiari

l bilancio 2012 sconcerta:Altri 16 milioni di deficit

C’è un futuro? Il sottosegretario Alberto Giorgetti richiama alla realtà: “2012: sesto anno consecutivo di bilancio in rosso. Se si va avanti così, invece di preoccuparci di Montichiari, dovremo pensare a salvare il Catullo. Tre cose sono da fare subito:

– aprire a privati e ai loro capitali, spendibili, capaci di garantire la tenuta nei prossimi anni e i posti di lavoro. Gli enti locali non hanno risorse e il Catullo non è più in grado di sostenere le perdite di Montichiari;

– la concessione di Montichiari: o arriva o lo scalo va ceduto o chiuso;

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Aeroporti di Verona, Aeroporto Catullo, Aeroporto D'Annunzio Montichiari, Commenti

Bilancio 2012

Numeri che fanno riflettere:
– passeggeri: nel 2012, rispetto al 2011, diminuiscono del 5,5% : da 3.400.000 a 3.221.000. I passeggeri italiani calano tra il 15 e il 25%. Gli stranieri (2.113.000), crescono del 3,1%. I movimenti sulle linee nazionali diminuiscono del 30%.
– Sorprende la perdita economica: oltre 16 milioni.
Motivi:
– difficoltà della “Catullo spa”;
– spese per ristrutturazioni: esodi incentivati di dirigenti, ammortizzatori sociali, liquidazione Avio;
Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Aeroporti di Verona, Aeroporto Catullo, Aeroporto D'Annunzio Montichiari

Valutazioni di Tito Brunelli

Operai e dipendenti pagano gli errori di una gestione di cui non erano neppure informati.
Politici, amministratori, dirigenti e manager responsabili per lo meno chiedono scusa? Pagano o no per i loro errori? Ritengono di non avere niente da dire?
Cosa dice il sindaco Tosi? E il Presidente della Provincia Miozzi? E il Presidente di Camera di Commercio di Verona Bianchi? E gli altri soci? Cosa dicono Bortolazzi e Soppani?
Cosa si risponde a chi dice che non si possono licenziare i meritevoli e che, semmai, vanno colpiti i raccomandati?
Se tutti concordiamo nell’affermare che un’azienda non può permettersi di perdere le sue persone migliori, perché succede il contrario?
Una domanda del consigliere regionale Valdegamberi: “E’ vero che il Catullo, ultimamente, ha messo in cassa integrazione molti dipendenti e ne ha assunti quattro senza dare adeguata pubblicità alla selezione?”.

Lascia un commento

Archiviato in Aeroporti di Verona, Aeroporto Catullo, Aeroporto D'Annunzio Montichiari, Commenti, Riflessioni

Chi paga gli errori di politici, amministratori e dirigenti ?

Sindacati: “Si fa carico ai lavoratori degli errori del passato: sono vittime dimenticate del sistema malato. Non si può lasciare a casa i meritevoli e lasciare al loro posto i raccomandati”.
Solo un piano di rilancio porterebbe a nuove assunzioni; ma con il 18% dei passeggeri in meno non è possibile. I due scali (Catullo e D’Annunzio) hanno un debito di 85 milioni a fronte di un fatturato di circa 43.
Ottobre 2013. Presidente Arena in commissione consiliare: “Per il Ministero è impossibile che la cassa integrazione continui. Nessun dipendente sarà abbandonato”. Bassetti, direttore: “La colpa è dei sindacati. Avessero accettato le mie proposte, su 206 dipendenti 160 sarebbero al loro posto”.
Novembre. Sindacati: “Avio licenzia i 76 lavoratori in cassa integrazione, lasciando sulla strada molte famiglie, Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Aeroporti di Verona, Aeroporto Catullo, Aeroporto D'Annunzio Montichiari

I dipendenti: Quanti saranno licenziati?

Presidente Arena: “Gli aeroporti hanno un dipendente ogni 25.000 passeggeri. Il Catullo uno ogni 15.000”. Compreso Avio, perdono il lavoro 235 su 410. A tempo indeterminato ne restano 175.
Provvedimenti della nuova dirigenza:
– 72 dipendenti del D’Annunzio in cassa integrazione straordinaria.
– cassa integrazione anche per metà dei lavoratori del Catullo. Non rischiano il posto: la loro attività è indispensabile. Si rinegozieranno i contratti.
– chiude Avio Handling, controllata dal Catullo al 100%, società che curava i servizi a terra: check-in, biglietti, bagagli, passeggeri. Aveva 220 dipendenti: metà a tempo indeterminato; metà a tempo determinato. Ha perso 5,2 milioni nel 2011; 18 milioni in 4 anni. Ci si propone di risparmiare 10 milioni. I dipendenti sono in cassa integrazione dal dicembre 2012. E’ a rischio il loro futuro lavorativo.

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Aeroporti di Verona, Aeroporto Catullo, Aeroporto D'Annunzio Montichiari