Archivi categoria: Amministrazione Tosi

Il tormentone Torricelle: Valutazioni di Tito Brunelli

Ogni volta che vado sulle Torricelle, il mio cuore si deprime: non è possibile che un ambiente potenzialmente così bello sia lasciato all’abbandono, tra sporcizia e brutture inaccettabili. Leggo “Percorso della salute”; lo percorro per qualche decina di metri; torno indietro amareggiato. Chi permette che si deturpi un ambiente che potrebbe essere affascinante? Spuntano alcune costruzioni, in particolare nell’ex “Tiro a segno”; sono coperte da arbusti e immondizie a non finire. Verona può permettersi tanta bruttura? Volto l’occhio e vedo residenze e ville; hanno richiesto interventi molto costosi; solo famiglie ricche possono permetterselo. Mi domando: “Per queste famiglie c’è la legge? La devono rispettare o per loro la scappatoia è comunque pronta?

Mi assale una serie  di domande: “Giusto combattere il degrado attuale. Ma se si cambiassero le leggi e le norme che salvaguardano le nostre colline; se Regione e Comune fosse permissivi, cosa diventerebbero le Torricelle? Intervento dopo intervento; scorciatoia dopo scorciatoia, in alcuni decenni tutto quel territorio si coprirebbe di costruzioni. Già le ruspe abbondano. L’ho visto nitidamente guardando dai piani alti del Polo Confortini (ospedale di Borgo Trento): in collina abbondano gru e di ruspe. Se si permette una sola eccezione, cosa succederà?

Nessun cittadino veronese che le visita è contento dello stato delle nostre colline. E’ doveroso però che il loro utilizzo sia deciso alla luce del sole. Il PRG (piano regolatore generale) proposto alla seconda Amministrazione Sironi prevedeva sulle Torricelle più di 500 costruzioni, con un notevole giro di affari. I consiglieri, chiamati a votarlo, non ne sapevano nulla. E’ questo il male della nostra politica. In quel caso l’imbroglio è stato smascherato. Resta però il problema: la fiducia. C’è fiducia tra cittadini e Amministrazione? Se non c’è, come va recuperata? La storia insegna che, se si apre uno spiraglio sull’edificabilità di territori delicati, non ci si ferma più. Il percorso avviato dall’assessore Caleffi lascia poche speranze: neppure i consiglieri comunali (come accaduto più volte in passato) sono stati informati: hanno saputo dalla stampa il percorso avviato.

Si può tentare, a una condizione ferrea: che i cittadini veronesi siano informati pubblicamente e nel dettaglio del complesso delle proposte di innovazione in collina, escludendo ulteriori interventi. Possibile progetto:

– mettere insieme alcune centinaia di persone forti e motivate: alpini, tecnici di AMIA e del Comune, gruppi locali, associazioni ambientalistiche, Vigili del Fuoco, immigrati, cittadini, …; Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Amministrazione Tosi, Elezioni comunali 2017, Parere di Tito Brunelli

I gruppi politici scalpitano

Novembre 2016. La commissione Urbanistica non approva la Variante 23. La tenuta della maggioranza è incerta. Presentati 1.245 emendamenti.

Gennaio 2017. Il Consiglio comunale approva la Variante 23. I cittadini hanno un mese di tempo per presentare osservazioni. La commissione regionale procederà con la valutazione ambientale strategica. Poi la Variante tornerà in aula per l’approvazione definitiva. Si arriverà ad aprile. Se la Variante passerà sarà per un pelo.

Sono due i ricorsi al TAR: sulla legittimità dell’esclusione del 90% degli emendamenti e sulla incompatibilità di due consiglieri comunali in conflitto di interessi, che hanno garantito il numero legale”.

Caleffi: “La Variante è importante. Contiamo di vararla definitivamente in aprile. Se non riusciremo, lasceremo una eredità positiva”.

Lascia un commento

Archiviato in Amministrazione Tosi, Elezioni comunali 2017, Piano degli Interventi

Quale progetto per Verona?

Bertucco: “Caleffi come  Giacino: nessuna idea di città, spinta verso cemento e commerciale, edificazione in aree pregiate. Un conto è premiare chi ha svolto un’attività agricola, dando la possibilità di trasformare un annesso rustico; un conto è considerare annesso ciò che è villetta. Tra le richieste di riqualificazione accettate ci sono un ristorante, una villetta condonata, la casetta rammodernata nel 2012, laboratori artigianali, una fungaia, magazzini, serre, una casa nella roccia, mirabilmente incastonata in una ex cava di tufo, di proprietà del consigliere comunale Gianluca Fantoni. Nella stragrande maggioranza dei casi, si vuol far passare per immobili non più utilizzati per attività agricola ciò che da tempo è qualcos’altro, spesso una abitazione finita e probabilmente già abitata. Tra gli edifici ammessi parecchi non sono in linea con le peculiarità richieste. Si fatica a trovare un annesso rustico o un capanno per attrezzi abbandonato. Prendere per buona, senza controlli, la definizione di ‘capanno per attrezzi’ per un edificio di 3 piani, ornato da un porticato trionfale a 5 arcate significa prendere in giro i cittadini.

Caleffi ha eliminato 68 delle 100 proposte per la riqualificazione degli annessi rustici abbandonati: non si può mettere dentro tutto. Il carico urbanistico della Variante 23 è pari a una ottantina di appartamenti, concentrati per il 90% nel parco delle Colline” e per il 10% nel Parco dell’Adige, entrambe zone altamente tutelate. Delle 32 proposte accolte, 20 sono in seconda circoscrizione; 10 in ottava; una in terza, una in sesta.

La Lega Nord, con Paolo Tosato, attacca la Variante 23: Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Amministrazione Tosi, Elezioni comunali 2017, Piano degli Interventi

Assalto al territorio ?

Elenchiamo alcune aree  in cui la variante prevede la possibilità di intervenire:

– zone di riuso in collina: ex tiro a segno e ampliamento del complesso Regina Pacis.

– raddoppio del supermercato Rossetto: nuovi 11.000 mq di commerciale. Domanda: come si affronterà l’incremento di traffico su corso Milano, una delle strade più trafficate della città? Anche i quartieri ovest vengono penalizzati dall’esplosione delle aree commerciali, come il raddoppio di Rossetto. E i piccoli negozi di quartiere? Soccombono.

– ex Tiberghien. Un intervento commerciale di 15.000 mq (nuova sede di Esselunga, negozi e residenziale) quali conseguenze avrà sulla viabilità a San Michele?

– Verona Sud (viale del Commercio e ex Autogerma) ospiterà 12.000 mq di commerciale in aggiunta a nuovi edifici, 5 nuovi centri commerciali, 3 grandi strutture di vendita, per circa 10.000 addetti, residenziale per 2.500 nuovi residenti. Erano già previsti circa 170.000 movimenti di veicoli motorizzati al giorno con punti serali di circa 19.000 veicoli. Necessari?

– Parco della Spianà. Doveva essere un grande parco pubblico. Si prevede il raddoppio dei permessi edificatori: dagli originari 3.500 mq a 8.200. L’area resta destinata ad impianti sportivi.

– Chievo. Vengono aggiunti 7.000 mq di residenziale a quelli previsti alle ex Officine Cardi.

– tra Montorio e Quinto si prevedono altri 13.000 mq di case.

– terreni agricoli diventano edificabili alla sacra Famiglia e a San Michele.

Lascia un commento

Archiviato in Amministrazione Tosi, Elezioni comunali 2017, Piano degli Interventi

L’iter amministrativo

Estate 2016. La Giunta approva la Variante urbanistica su tre temi delicati e importanti:

– il recupero di aree da riqualificare in ZAI. Interventi proposti: 61;

– centro storico. Interventi presentati: 41. Accolti: 9;

– Parco dell’Adige: si riutilizzano 3 strutture esistenti;

– Torricelle. Proposte presentate dai proprietari: 99. Accolte: 33. In grande maggioranza sono trasformazioni di edifici, usati come depositi di attrezzi o simili, in abitazioni;

– le grandi strutture di vendita, in base alla legge regionale, sono 15.

In totale le proposte pervenute in Comune e approvate sono 64: Sono un milione i mq della Variante 23, il cui carico urbanistico ha una superficie utile lorda di 1.093.169 mq, rispetto ai 1.369. 891 mq del P.I. vigente, quindi in calo.

Caleffi: “Non è stata verificata la legittimità delle costruzioni di cui si chiede una nuova destinazione. Nessuno ha chiesto di costruire un mq in più dell’esistente né nuovi annessi rustici. Lo spirito del Piano è stato compreso: lo considero un chiaro successo”.

Michele Bertucco, ironico: “Le 99 domande arrivate in Comune rappresentano uno straordinario successo politico dell’assessore che ha intercettato e coronato un fenomeno sconosciuto ai più: il ritorno alla terra di tanti nostri concittadini che nei decenni scorsi si erano reinventati agricoltori Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Amministrazione Tosi, Elezioni comunali 2017, Piano degli Interventi

Variante 23:Sussurri e grida

Massignan: “Il Piano prevede nuove costruzioni per circa 111.000 mc. Premia i furbetti che, fingendosi coltivatori, hanno costruito finti annessi rustici.

In positivo si recupera patrimonio abbandonato. Il Comune deve dare le linee guida strategiche; spesso però ragiona caso per caso, sulla base di proposte di privati. E’ la prima volta che ci si basa sul recupero dell’esistente e non sull’espansione della città, prevedendo anche la demolizione di edifici che deturpano il paesaggio, come i capannoni abbandonati, per ricostruirli con criteri riqualificanti”.

Giorgio Gabanizza: “La Variante continua a delegare a privati la gestione del territorio, invitandoli, con l’ennesimo avviso pubblico, a segnalare proposte da inserire nel nuovo piano, senza indicare in che modo si intende salvaguardare il territorio, in particolare in aree di pregio: collina, edifici di valenza storica e architettonica, centri storici e Parco dell’Adige”.

Ciro Maschio (Fratelli d’Italia – presidente della Commissione Urbanistica – oggi all’opposizione): Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Amministrazione Tosi, Elezioni comunali 2017, Piano degli Interventi

Gli interventi sulle Torricelle:pro e contro

Serpelloni (Ance – costruttori edili): “Riqualificare immobili darà impulso all’edilizia. Cambierà il volto delle colline (non solo delle Torricelle e del Parco dell’Adige) e della città. La Variante consente interventi non invasivi per il territorio. Accogliamo con favore l’apertura nei confronti di chi aveva proposto interventi ritenuti ammissibili, ma non inseriti nel Piano originario” .

Giovanni Montresor (ordine degli Ingegneri): “Tema di fondo: non consumare suolo e intervenire sull’esistente anche sulle Torricelle, a partire da aree ex industriali, edifici demaniali, strutture militari dismesse. Riconvertire gli annessi rustici è utile se fatto con giudizio. E’ un bene poter intervenire su corti rurali semi abbandonate, ma la nuova norma non deve diventare il modo per rimettere in gioco costruzioni recenti edificate con interventi speculativi ufficialmente per utilizzo agricolo, ma con l’intento di poterle poi riconvertire. Per evitare abusi, la norma deve prevedere interventi solo su fabbricati che hanno almeno una quindicina d’anni. In certi casi bisogna valutare la demolizione per gli ex capannoni per l’allevamento. Le strutture in stato di abbandono si possono riconvertire anche in sedi di associazioni di volontariato, che potrebbero farsi carico di sistemarle”.

Bertucco (PD): “La Variante premia i furbetti che, anni addietro, all’improvviso, si sono inventati per se stessi e più spesso per le mogli una carriera da imprenditori agricoli, così da poter edificare un annesso rustico: di fatto una nuova abitazione. Era quasi di moda fingersi imprenditori agricoli da parte di famiglie facoltose che al massimo coltivavano un vaso di gerani. Ora il Comune consente di sanare situazioni che non sarebbero state sanabili. Se il Comune consente ai furbetti di trasformare tutto in nuove case, premia quei comportamenti: le costruzioni di allora diventeranno abitazioni, ristoranti, agriturismi. Per chi gioca sul filo della legalità c’è sempre una scappatoia.  L’Amministrazione si muove nell’ambito del Piano degli Interventi. Nel 2011 furono tolti dal Piano triennale delle opere pubbliche lavori pubblici attesi dai quartieri, con la promessa che li avrebbero realizzati i privati che avevano aderito al P.I., sotto forma di opere compensative. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Amministrazione Tosi, Elezioni comunali 2017, Piano degli Interventi