Ex Lux: Anno 2015

Gennaio. Vallani e Segattini (PD) riaprono la ferita e ne chiedono conto alla Giunta comunale. La proprietà ha assicurato più volte la fine dei lavori e l’Amministrazione ha fatto del Lux un simbolo di riqualificazione dal degrado. Eppure, dopo più di 7 anni dal voto del Consiglio comunale, il Lux era e permane area a rischio. Non è pronto nonostante le deroghe, concesse dal Comune, in altezza, volumetria e superficie. Per il recupero volumetrico e il piano casa, le camere sono aumentate a 72. Ma i fatti confermano che neppure il 2015 sarà l’anno buono: a bloccare il cantiere sono le difficoltà economiche.
I due consiglieri sussurrano che, se il Comune non avesse concesso deroghe e avesse limitato il volume costruibile, e quindi gli investimenti della proprietà, forse il Lux sarebbe terminato. “Quanto accaduto dimostra che riqualificare il territorio dipende dall’Amministrazione, non dal costruire in deroga alle norme edilizie da parte di privati. La conferma è che il cantiere è spesso fermo, anche per mesi, e che il Lux oggi è ricettacolo di degrado, tanto da costringere le forze dell’ordine a un “costante monitoraggio. Il Comune non può aspettare: deve valutare quale qualificazione del Lux sia possibile”.
Fine mese. Massimo Paci, presidente della 3^ Circoscrizione, si reca sul posto: “Ho effettuato un sopralluogo, insieme con Luciano Lonardi, per accertarmi della situazione del Lux. La struttura, al grezzo, va ultimata quanto prima. Non ho notato nulla di anomalo: l’area del cantiere e via Dalla Bona sono pulite e i controlli regolari. Sono sorpreso in positivo. Il titolare ha installato l’allarme, collegato con le forze dell’ordine. Qualche volta è scattato, ma la pattuglia non ha trovato nessuno: chi aveva tentato di intrufolarsi si era allontanato. Lonardi assicura di metterci tutto l’impegno per ultimare l’albergo. Forse nel giro di qualche mese al Lux torneranno gli operai”.
Intanto però tutto è fermo, in attesa della fine del percorso delle irregolarità edilizie e di risorse economiche. Il timore è che il sito si trasformi in “casa dei fantasmi”, per senzatetto, spaccio e prostituzione. Torna a pesare l’ombra della vecchia struttura.
Aprile 2015. Nulla di nuovo al Lux.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Progetti di media importanza, Verona che non cambia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...