L’esempio di Verona nella questione Rom (4)

Continua la lettera di Tito Brunelli a mons. Bruno Fasani: ricostruzione storica della questione Rom

Per i Rom. Situazione ai limiti dell’umano. Spesso vediamo in televisione indecorosi campi Rom in città d’Italia. Sono migliori dell’insediamento Rom che, ai primi di luglio 2002, accompagnato da una assistente sociale del Comune, ho visto alla Spianà. Erano, da molto tempo, su una montagna di rifiuti, con puzza insopportabile, in baracche cadenti, sempre ritornati dopo 11 sgomberi, sporchi e nella melma maleodorante ogni volta che pioveva, senza acqua e luce, con alcuni piccoli fornelli a gas. Bambini: un centinaio. Niente scuola. Pochi parlavano italiano. Nessuno lavorava con un minimo di continuità. Era chiaro: ogni intervento avrebbe avuto per me un prezzo personale enorme con possibilità di successo. Non abbiamo ascoltato chi consigliava uno sgombero, già pronto alla firma del Sindaco. Occorrerebbero pagine per descrivere quanto successo. Conclusione: ho considerato provvidenziale l’incontro, non programmato, con l’Istituto Don Calabria, inizialmente nella persona del direttore Stefano Schena. Mi disse che vedeva ogni giorno passare i Rom e che non se la sentiva più di voltarsi dall’altra parte (parole diventate lo slogan dell’impresa: “Non possiamo voltarci dall’altra parte”). Mi sono rivolto a don Valdemar Longo,  superiore generale dell’Istituto, che ha capito subito la gravità della scelta. Mi disse: “Lei ci chiede un’obbedienza radicale al vangelo. Saremo in grado di pagare le conseguenze dell’eventuale sì?”. Tutto in 30 giorni. L’8 agosto, mi pare, ho detto al sindaco Zanotto che l’intervento con i Rom poteva partire e che il Don Calabria si assumeva la responsabilità della gestione dell’impresa. Si è arrivati a una convenzione praticabile. Obiettivi: scuola, lavoro, casa, educazione sanitaria, inserimento sociale.

L’opposizione al nostro intervento, guidata da Flavio Tosi, con esponenti di AN e, pochi, di Forza Italia, cresceva, con un lavoro a tappeto presso la popolazione cittadina, per aizzarla in particolare contro di me e contro il Sindaco. Ribadisco: Sinti e Rom erano presenti a Verona da anni e quasi nessuno lo sapeva. In un mese diventano il più grave problema della città e dei cittadini. Per me, residente allo Stadio, iniziò un periodo pesante, aggravato dal fatto che avevamo collocato Sinti e Rom proprio allo Stadio. Me ne sono successe di tutti i colori: tre biciclette distrutte; di una mi hanno rubato una ruota; macchina strisciata, urli e insulti. Intervento della Digos.

Abbiamo messo insieme Istituto Don Calabria, Prefettura, Questura (a decine gli incontri) e Scuola (disponibilità encomiabile della Scuola pubblica, purtroppo non di quella privata). La Fondazione San Zeno  si è assunta molti dei costi. Abbiamo aperto un campo attrezzato provvisorio (per legge la durata massima era di 7 mesi) vicino a quello dei Sinti, allo Stadio. Sintetizzo:

– bambini e ragazzi, tutti, a scuola: una scuola particolare, adatta a persone che non avevano mai preso in mano una penna. Tutte le mattine un pullman li portava alla casa madre del Don Calabria. Programma concordato con il locale ex Provveditorato e con il settore scuola della Regione Veneto. Alcuni studenti sono arrivati alle scuole superiori;

– inserimento lavorativo: difficile, ma, per merito del Don Calabria, una quindicina di persone ha compiuto un percorso positivo. Contenti;

– circa il vivere in normali abitazioni (un Consiglio comunale ha trattato questo tema) e l’avviare un dialogo sociale, qualche passo è stato fatto, ma  il periodo del mio Assessorato è stato troppo breve per vedere risultati tangibili, che ci sono stati invece sul piano sanitario.

Continua.

Lascia un commento

Archiviato in L’esempio di Verona nella questione Rom

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...