Relazione sanitaria

Loredana Musumeci, presidente della Commissione nominata dall’Istituto superiore di Sanità per studiare le conseguenze della presenza del traforo sulla salute dei Veronesi, presenta un parere ampiamente favorevole all’opera.
A traforo pronto:
– 180.000 veronesi (il 70%) respireranno meglio;
– 29.000 resteranno nelle stesse condizioni di oggi;
– 35.000 (13%) andranno peggio;
– 18.155 (7%) rischiano doppio inquinamento rispetto all’attuale.
Per l’insieme della città:
– le emissioni di Pm (polveri) diminuiranno di 21,6 grammi;
– quelle di ossido di azoto caleranno di 526,9 grammi.
I maggiori benefici saranno nei quartieri sud e in centro.
Nessun miglioramento sostanziale per Veronetta.
Problemi seri per il 7% della popolazione (18.155 persone) residente nella zona nord. Meglio prevedere autobus ecologici, aree verdi, limitazioni del traffico.
Sindaco Tosi: “La massima autorità nazionale ha dato un giudizio chiaro: basso incremento di inquinamento per chi vive a ridosso del traforo e grande miglioramento per i più”.
Consigliere Uboldi: “Più si sta lontani dal traforo meglio è”.
– Duro commento del P.D: “L’Amministrazione predica la democrazia dell’inquinamento: un po’ meno qua, un po’ più là. E non tiene conto della viabilità e dell’inquinamento a Verona Sud, attraversata da un’autostrada a sei corsie e da due tangenziali di due corsie ai lati”.

Lascia un commento

Archiviato in Infrastrutture, Passante Nord, Traforo Torricelle

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...