Archivi tag: Unione Europea

Italia e Unione Europea: quale corresponsabilità?

Spesso, quando presentano decisioni che molti cittadini non condividono, i politici si giustificano dicendo: “Lo chiede l’Europa”. “L’Europa ha deciso così. Non possiamo farci nulla”. Negli ultimi 30 anni, le classi dirigenti italiane hanno pensato di risolvere in questo modo i problemi del Paese, restio a cambiare abitudini e pregiudizi, legato ai suoi vizi, a mille interessi contrapposti, a tenaci corporativismi. Sappiamo che l’Italia è diffidente verso le direttive dall’alto e le norme; abituata a usare lo Stato e a piegarlo al proprio utile; quasi mai a piegarsi all’utile dello Stato.

Perché, nonostante le difficoltà, le classi dirigenti hanno preso questa strada, prendendo atto che l’Italia è politicamente indomabile e lo hanno fatto specialmente a partire dalla fine degli anni 80, quando fu chiaro che la spesa pubblica facile, iniziata 15 anni prima, aveva creato una situazione finanziariamente insostenibile? Avevano preso atto che era impossibile togliere al Paese rendite, privilegi, abusi o ridimensionare benefici a cui si era abituato: Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Politica e Riforme

Politiche 2013: tre obiettivi (4)

simbolo_udc_b

In vista delle elezioni politiche del 24-25 febbraio ci battiamo per tre obiettivi: 

Mario Monti Presidente del Consiglio

Stefano Valdegamberi alla Camera dei deputati

Tito Brunelli consigliere della Regione Veneto al posto di Valdegamberi

4) 18 mesi fa chi l’avrebbe mai pensato e detto? Da quando siamo in campagna elettorale non è più così, purtroppo, ma nell’anno del governo Monti ogni giorno abbiamo sentito parlare e abbiamo parlato di Europa. Spesso negativamente e con ignoranza, ma ne abbiamo parlato. Era inimmaginabile quando erano al governo Berlusconi e Bossi. Si parlava di Unione Europea in occasione delle elezioni del Parlamento comunitario, ma non era l’Europa al centro: anche quelle europee erano elezioni che servivano soprattutto per misurare la forza e lo stato di salute del governo nazionale. Gli eletti al Parlamento europeo chi li conosce? Chi si interessava di come svolgono il loro ruolo? Pochissimi, a partire dai mass media, ci aiutavano a capire l’importanza dell’Europa, presentata per lo più come guastafeste. Oggi parlare di mercato europeo, di banca centrale europea, di un’Europa presente e attiva è normale. Un miracolo! Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Elezioni politiche 2013

Europa, Europa, … (2)

E’ forte il segnale di sfiducia e di allontanamento dei cittadini europei dall’Unione Europea. Siamo popoli chiusi, abituati all’autosufficienza, abituati da secoli a batterci per essere il primo tra noi e a utilizzare gli altri popoli a nostro vantaggio. Questa è la nostra storia. Venendo all’oggi, vanno evidenziate le responsabilità di guide politiche senza prospettive, incapace di guardare oltre gli interessi particolari. In questi ultimi mesi ne subiamo le conseguenze, sul piano dell’economia e della finanza. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Europa

Quello che il sindaco Tosi dice e quello che fa (13)

“In casi eccezionali di necessità e urgenza, indicati tassativamente dalla legge, l’autorità di pubblica sicurezza può adottare provvedimenti provvisori (circa la libertà personale), che devono essere comunicati entro 48 ore all’autorità giudiziaria e, se questa non li convalida nelle successive 48 ore, si intendono revocati e restano privi di ogni effetto” (Costituzione della Repubblica Italiana, n° 13)

Alla Commissione europea risponde il sindaco Tosi : il Comune tutela i suoi residenti

– la risposta di Frattini si limita a richiamare correttamente l’impianto della legislazione comunitaria in materia. Non valuta i provvedimenti di cui non è a conoscenza. Chiede chiarimenti al governo;

– è normale che un Comune tuteli i propri residenti. Fino a ieri a essere discriminati erano i cittadini italiani perché del 30% delle assegnazioni degli alloggi pubblici beneficiavano immigrati non residenti. Le delibere AGEC sono legittime: “Il nuovo regolamento non attua discriminazioni per la nazionalità d’origine: si concentra sul tempo di residenza in città, Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Comune Verona, Flavio Tosi e gli immigrati: quello che dice - quello che fa, Riflessioni