Archivi tag: tagli spesa sociale

La cura del verde costa

L’elenco delle aree verdi bisognose di cura nella nostra città è lungo. Interventi efficaci, programmati e continuativi devono individuare priorità e prevenire il degrado.
Autunno 2013. Nell’ultimo anno le aree verdi pubbliche da curare sono aumentate e i finanziamenti comunali restano gli stessi. Ci riferiamo alla cura di mura, prati, parchi, giardini pubblici; al ripristino e alla sicurezza del fondo e del ciglio delle strade; alla vicinanza con chi deve recuperare il significato della sua vita e del crescere insieme proprio curando il verde di tutti.
E il Comune cosa fa? Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in sociale, Verona di tutti i giorni, Verona e il suo Territorio

Bilancio della Regione Veneto 2011. Stefano Valdegamberi

da Regione Veneto, bilancio 2011 (6)

Stefano Valdegamberi, il maggiore oppositore

Ottobre 2008.

Ai  ministri: “Conoscete la virtuosità del Veneto nel sociale. Non si possono mandare a morte i servizi conquistati. Non facciamo scendere in piazza le famiglie per i diritti per la cui tutela siamo stati eletti. Non vogliamo un risanamento economico che tagli la spesa per le persone più deboli. Sarebbe la morte civile del nostro sistema sociale. Il terzo settore attua la sussidiarietà nel gestire i servizi alla persona abbattendo la spesa pubblica. Le famiglie sono primo attore dei servizi sociali, garantendo cure domiciliari per i non autosufficienti. I fondi per servizi alla prima infanzia, alla famiglia, alle politiche giovanili, alla non autosufficienza non ci sono più. Per i 550 asili e le 1200 materne il fondo, già ridotto del 40%, viene azzerato. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Bilancio Regionale 2011, Riflessioni

Bilancio della Regione Veneto 2011. Stanziamenti per il Sociale

da Regione Veneto, bilancio 2011 (3)

Novità:

– un Fondo di 10 milioni anti aborto, per coppie in difficoltà: “In ogni azienda ospedaliera opererà un responsabile del volontariato. Potenzieremo i consultori familiari, specialmente a sostegno della genitorialità” (assessore Sernagiotto);

– un privilegio al fondo infanzia e adolescenza;

– fondo di rotazione di 50 milioni per il patrimonio immobiliare destinato ai servizi sociali e socio-sanitari del Veneto. Lo strumento è innovativo: garantisce un introito grazie al rientro dei prestiti.

Tagli. Situazione di partenza (gennaio 2011) :

– “La Sanità non si tocca. Per i tagli il sociale è il primo della lista” (Dario Bond, capogruppo PdL).

– Roma taglia 70 milioni al sociale. 5 capitoli di spesa su 10 spariscono: zero euro. Dramma per il sociale: si azzera il fondo regionale (19 milioni) delle politiche sociali. Saltano servizi per disabili, trasporto, accompagnamento a scuola. Ne vanno di mezzo asili, anziani, famiglie, persone deboli. Diritti calpestati. E’ azzerato il fondo di 1,5 milioni per l’assistenza scolastica dei bambini con handicap iscritti in istituti privati. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Bilancio Regionale 2011, Riflessioni