Archivi tag: Stefano Bertacco

Scricchiolii. Quale attenzione ai disabili? O lasciamo ogni responsabilità alle famiglie?

Primavera-estate 2012. L’associazione “Più di un sogno” e l’istituto alberghiero “Berti” presentano il progetto: ristorante, albergo e campeggio a corte Molon, gestiti in larga parte da disabili e down.

Di mezzo ci sono le elezioni comunali.

La nuova Giunte destina tutta l’area a “Centro ippico sociale”: un maneggio.

L’ex assessore ai Servizi sociali Stefano Bertacco, che aveva coinvolto l’associazione “Più di un sogno” nella valorizzazione di corte Molon, chiede a “una città silente, quasi cortigiana di un sistema che in questi anni con tanta furbizia e bravura Flavio Tosi è riuscito a creare”, che gli spazi siano condivisi dai due progetti. Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Riflessioni, Verona che non cambia

Quello che il sindaco Tosi dice e quello che fa (9)

“Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società” (Costituzione della repubblica Italiana, n° 4)

Il nuovo regolamento per l’assegnazione della case AGEC chiarisce la visione politica dell’Amministrazione

*Giuseppe Venturini (presidente AGEC)

Le nostre scelte rispecchiano un programma politico che i cittadini, in grande maggioranza, hanno ratificato con il voto. Abbiamo favorito i veronesi, fino a oggi discriminati. Le delibere portano equilibrio: i punti aggiuntivi privilegiano gli anziani, la povertà veronese e la residenza: prima la casa ai veronesi e, se ne restano, agli stranieri. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Comune Verona, Flavio Tosi e gli immigrati: quello che dice - quello che fa, Riflessioni

La grande cacciata. Conosciamo meglio Flavio Tosi (16)

Persone senza dimora dormono nel centro storico? Mai. Il decoro della città esige che siano cacciate

Aprile 2009. Piazza Dante, piazza Indipendenza, Palazzi Scaligeri, cortile del Tribunale, corte Sgarzerie e zone limitrofe: luoghi di bivacco. Di giorno sui gradoni della Loggia di Fra’ Giocondo siedono turisti e veronesi; di notte la zona diventa dormitorio a cielo aperto e tappa della Ronda della Carità, che porta cibo e coperte ai barboni. Quelli abituali sono una decina; dormono su letti di cartone. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Comune Verona, Riflessioni, Tosi e la grande cacciata