Archivi tag: scuola

Immigrati e italiani insieme per il futuro da costruire (18)

“La ripresa? Comincia dalla scuola” (Barack Obama)

Reazioni alla proposta delle classi di inserimento:

* Carmela Palumbo (Ufficio Scolastico regionale): “Le classi di inserimento metterebbero in crisi il sistema scolastico, in particolare le elementari. Togliere gli stranieri può significare non raggiungere il numero necessario per formare una classe. Non possiamo fare a meno di chi alimenta il tasso di natalità. Nascerebbero un problema logistico e una questione etica: quella dei ghetti”. Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Immigrati

Immigrati e italiani insieme per il futuro da costruire (17)

“L’istruzione deve promuovere la comprensione, la tolleranza, l’amicizia fra tutte le nazioni, i gruppi razziali e religiosi e deve favorire l’opera delle Nazioni Unite per il mantenimento della pace” (Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, n° 26)

Classi separate per stranieri che non parlano o parlano male la lingua italiana ?

Ottobre 2008: arriva la proposta innovativa principale (desolante in se stessa, ma soprattutto per come e a quali scopi viene elaborata e presentata). La Camera dei Deputati dice sì alle classi di inserimento, cioè a classi separate per stranieri che non parlano o parlano poco la lingua italiana, “per prevenire il razzismo e realizzare vera integrazione” (Roberto Cota – Lega): in classi comuni i piccoli immigrati non apprendono e impediscono ai bambini italiani di apprendere al meglio; devono prima imparare l’italiano per poi accedere ai normali corsi scolastici. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Immigrati

Immigrati e italiani insieme per il futuro da costruire (16)

“I nostri Padri stabilirono leggi e diritti. Quegli ideali illuminano ancora oggi il mondo e noi non vi rinunceremo per motivi di convenienza” (Barack Obama)

Tutti a scuola. Ma come e con chi?

Nell’estate 2008, in vista dell’inizio dell’anno scolastico, si sviluppa il dibattito sulle modalità di integrazione degli alunni stranieri. Elena Donazzan, assessore regionale alla Pubblica Istruzione, propone di inserire in classe gli alunni immigrati in base a due principi:

– la percentuale (se gli stranieri sono troppi si resta indietro col programma: va limitata la presenza di immigrati nella singola classe): devono essere distribuiti in maniera omogenea nelle classi, stabilendo un tetto massimo di alunni immigrati;

– il livello di apprendimento dell’italiano: della lingua, della cultura e della storia d’Italia.

Aggiunge che “l’assegnazione della classe non va stabilità a seconda dell’età, ma deve essere legata al livello di apprendimento dell’italiano: chi non lo sa parte dalla prima elementare anche se ha undici anni”. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Immigrati

La riforma della scuola

Da parecchi giorni sentiamo parlare di riforma della Scuola e dell’Università. Ne parliamo senza conoscere le vere intenzioni del Governo Berlusconi. Pubblichiamo perciò i contenuti della proposta governativa, come li ha sintetizzati la CISL.
Appena possibile faremo una valutazione complessiva sul tema, decisivo per l’avvenire dei nostri giovani e dell’Italia tutta.
Valutiamo se si tratta di riforma di Scuola e Università o di altro.

Welfare Cisl Verona

Notiziario interno dell’Unione  CISL di Verona a cura del Dipartimento Welfare

Ottobre 2008  N. 2

SPECIALE SCUOLA

Per capire cosa sta succedendo nella scuola italiana

Guida ai provvedimenti governativi

E’ in atto nella scuola italiana un profondo mutamento, che per le caratteristiche e tipologia degli interventi è difficile definire riforma, ma va piuttosto classificato come un taglio netto e consistente alle risorse attualmente impiegate nella scuola italiana.

I provvedimenti adottati riguardanti la scuola sono tre: Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti

La scuola nel progetto Rom

Chi ha dubbi sull’intervento promosso a Verona a favore dei Rom legga questo resoconto.

Il 9 maggio 2008, presso l’Ufficio Scolastico Provinciale di Verona, si è tenuto un convegno dal titolo “Cittadinanza europea attiva per il popolo Rom: buone pratiche per l’inclusione e la coesione sociale”. Sono intervenuti il dirigente provinciale Giovanni Pontara, il direttore del “Don Calabria” Stefano Schena con il collaboratore Gianni Corradi, Annalisa Tiberio dell’Ufficio interventi educativi, Giuliana Donzello Romanologa (“Un’esperienza in ambito di inclusione sociale dei Rom a livello scolastico”), Patrizia Ceola dell’Ufficio scolastico regionale per il Veneto e il Rom Nazzareno Guarnieri. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Comune Verona, sociale