Archivi tag: scuola

Presidi dal Sud? Lega Nord e parecchi altri non li vogliono

Conosciamo la Lega Nord (5)

Presidi dal Sud? Lega Nord e parecchi altri non li vogliono

Sulla scuola piovono umiliazioni su umiliazioni, anche perché non sa difendersi

Estate 2009. Un esercito di presidi provenienti dal Sud dirige scuole del Nord. Alla Lega non piace: difende l’identità territoriale.

Matteo Salvini (leghista): “I tempi sono maturi per vincere la battaglia: noi vogliamo per le scuole del Nord presidi del Nord; non gente che prende il posto e, appena può, scappa”. Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Conosciamo la Lega Nord, Riflessioni

Pecora nera

Lettera pervenuta e volentieri pubblichiamo.
Probabilmente le “pecore nere” sono tante. Se facessimo più squadra, molte cose cambierebbero nella nostra società.

Pecora nera.

Ciao Tito!

Come stai?

Ti scrivo due righe solo per ringraziarti dei messaggi che mandi: mi sento sempre una pecora nera quando si parla di alcuni argomenti tabù (in primis la solidarietà). E’ bello qualche volta trovare altre… pecore nere!

Ho insegnato in una terza elementare a Pizzoletta, quest’anno. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti

Per la nostra scuola il grave deve ancora arrivare (2)

Con l’anno scolastico 2010-11, nelle scuole del Veneto si farà a meno di 1.633 insegnanti: 902 alle superiori e 728 alle elementari.

A Verona le cattedre in meno saranno 264.

E’ piano di espulsione.

E’ più semplice mandare a casa un docente che ammodernare il sistema.

E’ naturale chiedersi: il fine vero è mandare a casa i docenti e/o ammodernare il sistema? Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, La Scuola, Riflessioni

Chi ritiene che la scuola sia importante? (1)

Chi ritiene che la scuola sia importante per i nostri figli, per noi, per la crescita di tutta la società?

Chi è tra questi non può continuare a dormire.

Ricordate? Qualche mese fa si presentava Maria Stella Gelmini, ministro della Pubblica Istruzione, come colei che aveva proposto e stava realizzando una riforma della scuola di grande importanza, capace di migliorare e di qualificare il futuro dell’istruzione in Italia: quasi la “Riforma Gentile” per il XXI^ secolo. Televisione, radio, stampa ci hanno fatto credere che fossimo di fronte a un progetto culturale ed educativo di straordinario valore per l’Italia. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, La Scuola, Riflessioni

La scuola a Verona

asilo2

Ecco la lista degli interventi edilizi non segnalati nel giornalino di maggio per problemi di spazio.

L’Amministrazione Zanotto ha segnato una svolta molto importante per quanto riguarda l’edilizia scolastica nella nostra città: tra nuovi edifici, ristrutturazioni importanti e adeguamenti alle normative di sicurezza gli interventi sono stati 75, dei quali 35 importanti (edificazioni nuove e ristrutturazioni totali. Merito particolare va all’allora Assessore all’Istruzione Maria Luisa Albrigi. Non se ne parla, ma si tratta di un merito grande, a vantaggio dei nostri figli. Ecco un elenco parziale, ma significativo: Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Comune Verona, Giornalino

Il sindaco Tosi è una star?

Il sindaco di Verona Tosi si vanta ed è elogiato per aver soppresso l’insediamento Rom di Boscomantico.

Tempo fa la RAI ha trasmesso un servizio nel quale il Ministro dell’Interno Maroni, collega di partito di Tosi, informava di avere allo studio un piano per regolamentare gli insediamenti Rom in Italia. Tale piano prevede la costruzione di aree attrezzate, con piccole abitazioni per i Rom, i cui figli saranno scolarizzati. Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in Commenti

Immigrati e italiani insieme per il futuro da costruire (19)

“Ogni individuo ha diritto all’istruzione, che deve essere gratuita almeno per quanto riguarda le classi elementari e fondamentali. L’istruzione elementare deve essere obbligatoria” (Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, n° 26)

Dal punto di vista dei Comuni

In alcuni quartieri delle nostre città, i bambini stranieri sono più numerosi degli italiani. Genitori nostrani spesso non iscrivono i loro figli nelle scuole di zona, ma in quelle private, a pagamento, nella speranza che siano di migliore qualità. Se ne è parlato  a fine gennaio 2009 in riferimento al Comune di Vicenza, ma la proposta viene da lontano. Il sindaco Achille Variati decide che, dall’anno scolastico 2009-10, nelle prime elementari, i bambini immigrati non potranno essere più del 35% del totale degli alunni. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Immigrati