Archivi tag: rifiuti

Continua il caos su Ca’ del Bue

Maggio 2015. La legge spinge verso la raccolta differenziata. In Veneto dovrà arrivare al 76% entro il 2020. Ca’ del Bue curerà i rifiuti restanti: il suo ruolo sarà minimo.

Cigolini: “Le 9 discariche attuali saranno chiuse e non se ne apriranno altre. I rifiuti restanti andranno nell’inceneritore. La raccolta differenziata al 76% significa mettere fuori gioco i termovalorizzatori. Dubito però che l’obiettivo sia raggiungibile. AGSM ricalcola la sostenibilità economica del progetto sulla base delle 150.000 tonnellate di rifiuti”.

Bertucco: “La decisione regionale rende inutile Ca’ del Bue. Se non ha rifiuti da bruciare il termovalorizzatore va bloccato. A meno che l’intenzione sia di bruciarvi anche i rifiuti industriali. Ma come reagirà l’opinione pubblica?”

Toffali: “L’obiettivo del 76% è irraggiungibile. La chiusura delle discariche rende necessario avere un impianto moderno e sicuro per lo smaltimento dei rifiuti”.

Dirigenti: “Con la differenziata al 76% è difficile la sostenibilità economica di Ca’ del Bue, ma si può tentare: rischio di impresa. Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Cà del Bue, Inceneritore, Urbanistica

Rifiuti campani in Veneto? SI–NO: Tira-Molla

La questione infiamma gli animi e dimostra, se ce n’era bisogno, l’aria che tira.

Il 28 giugno, da Roma, Umberto Bossi e Roberto Calderoli danno il via libera a che i rifiuti campani siano diretti anche verso Nord. Il ministro per i rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto, convocherà un incontro Stato-Regioni per lo smaltimento della ‘munnezza’ napoletana. Condizioni per procedere: disponibilità di tutte le Regioni; periodo determinato; tipologia e qualità dei rifiuti. Meglio limitare l’invio all’estero. Questa apertura resta però nei palazzi romani.

Il Carroccio veneto non ci sta: sbarra le discariche affermando che la capacità di smaltimento è già satura e che tecnicamente non c’è disponibilità: “Ci metteremo di traverso per non far passare i rifiuti. Se li smaltiscano a casa loro. Siamo saturi, a mala pena autosufficienti. Da noi, mai!”. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti

Piano Rifiuti: I problemi di sempre

Verona come Napoli? Certamente no. Però non c’è da stare allegri. Infatti oggi Verona è lontana dall’essere autosufficiente nello smaltimento delle sue ‘sgauie’: solo una piccola parte viene smaltita sul nostro territorio: a Torretta di Legnago (costo: 90 euro a tonnellata). Il resto gira per l’Italia. Portare i nostri rifiuti in altre città costa molto ai Veronesi: 130 euro a tonnellata. Un passo avanti concreto viene da Legnago: Torretta, con un ampliamento che partirà nel gennaio 2009, potrà accogliere 300 tonnellate al giorno.

Nel Veneto, l’assessore regionale Conta ottimisticamente non prevede altre discariche e punta ad andare a esaurimento di quelle esistenti. “Il futuro – dichiara – sono i termovalorizzatori: ne avremo due di nuovi, oltre alla riapertura di quello di Ca’ del Bue”.

Sta di fatto che il piani provinciale per lo smaltimento dei rifiuti è legato a delle ipotesi: alla riapertura, a gennaio 2010 della discarica di Ca’ Filissine, a Pescantina e alla disponibilità del termovalorizzatore di Ca’ del Bue per il 2013. All’epoca saranno 30 anni che discutiamo di Ca’ del Bue e, intanto, il nostro CDR (combustibile derivato dai rifiuti) va nei forni di Brindisi, Lecce, Bologna, Genova, Piacenza, Isernia. Occorre sperare che queste città continuino ad accogliere il nostro CDR. Si ipotizza, nel piano, una nuova discarica vicino a Ca’ del Bue; l’augurio è che le discariche di Mantova e di Legnago continuino a funzionare e a darci spazio.

Altrimenti …

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Comune Verona

L’ignoto che ti piomba addosso: Il traffico illegale dei rifiuti

Il “Rapporto Economia 2008” di Legambiente ci pone davanti il dato che non ti aspetti: dal sesto posto al secondo: il Veneto è secondo, dopo la Campania, per il traffico illegale di rifiuti, con 462 infrazioni accertate. Nel Veneto poi Verona è seconda a Venezia per numero di reati ambientali. Ancora: per numero di infrazioni accertate nel ciclo illegale dei rifiuti (192 nel 2007) Verona è al primo posto in Regione. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Comune Verona

L’aumento della T.I.A., la tassa sui rifiuti

Mentre i media locali concentrano l’attenzione sui rifiuti della Campania, l’Amministrazione di centro-destra veronese decide di aumentare la T.I.A. (la tassa sui rifiuti):

6,7% per i privati ed 17,67% per i commercianti.

L’assemblea dei soci di AMIA (il socio unico è il Comune di Verona) aumenta i compensi del C.d.A.:

– il Presidente (avv. Toffali, della Lega) passa da 43mila a 65mila euro, i consiglieri da 15mila a 24mila, sissignori … più del 50 % … !!!

Che gli aumenti della TIA servano per pagare gli stipendi del c.d.a. di Amia ??

Alla faccia … !! ah ! …:
questo sì è
“il vero rinnovamento” sbandierato da Tosi in campagna elettorale …
altro che il Governo Prodi che aumenta le tasse e diminuisce gli stipendi …

La Cicala

Lascia un commento

Archiviato in La Cicala