Archivi tag: parentopoli

Per finire ascoltiamo Mario Giulio Schinaia, procuratore della Repubblica di Verona

(da articoli recentemente pubblicati sulla stampa locale)

Il procuratore Schinaia presenta il bilancio annuale dell’attività della magistratura a Verona: “Particolare allarme sociale destano in questo territorio, ricco di energie e di attività imprenditoriali, i reati, raddoppiati, contro la pubblica amministrazione”.

Le recenti inchieste in città, secondo uomini vicini al sindaco Tosi, sono emerse in concomitanza con la discesa in politica del sindaco su scala nazionale. Giustizia a orologeria?

Schinaia: “No. Sono inchieste che vanno avanti da anni e durano anni. Quelle in atto sono molte di più di quelle diventate di dominio pubblico. Destiniamo attenzione particolare alla gestione della cosa pubblica perché noto una mentalità dilagante in ambito politico: c’è chi è convinto che se ha il consenso può fare quello che vuole. Non è così: chi ha consenso deve rispettare ancora di più le leggi, per certificare la buona scelta elettorale dei cittadini. Indaghiamo dove vengono gestiti denari pubblici, anche sulla base di notizie di stampa. Ci sono aziende che oggi agiscono nel privato che di fatto non hanno perso la propria origine pubblica. Il problema è che chi le gestisce dovrebbe operare come un pubblico amministratore, non come un privato.

Continua a leggere

Annunci

1 Commento

Archiviato in Assunzioni di favore, Aziende partecipate, Commenti, enti economici veronesi, Eredità Tosi, Vicende giudiziarie

Gli interventi della magistratura nei confronti delle aziende e degli enti pubblici veronesi pare non finiscano mai

 

Malaffare in Azienda Provinciale Trasporti (APT) e in AGEC, seguito poi da  “parentopoli” e caso Giacino. Non è ancora sufficiente.

Pubblicheremo ora alcuni articoli riportanti delle vicende simbolo della “parentopoli” infinita.

 N.B. Le notizie che riportiamo nei prossimi articoli sono apparse, con ampio rilievo, sulla stampa locale.

Lascia un commento

Archiviato in Aziende partecipate, enti economici veronesi

Considerazioni di Tito Brunelli sul malaffare in ATV e su parentopoli

Non me l’aspettavo. Leggeremo nei prossimi giorni tanti altri articoli sul malaffare e risulterà sempre più evidente che, anche a Verona, la politica ha perso la testa.

Notoriamente non sono un estimatore di Flavio Tosi, soprattutto perché l’ho conosciuto da vicino nell’esperienza amministrativa. Ma se qualcuno mi avesse detto che l’Amministrazione Tosi sarebbe arrivata a questo punto, non ci avrei creduto.  Eppure, pensandoci bene, le premesse c’erano tutte:

– La Lega Nord era ed è un insieme eterogeneo di persone arrivate al potere quasi improvvisamente; persone che, in sintonia con il “capo”, dichiaravano di rispondere del loro operato solo al popolo sovrano, cioè a se stesse; persone che vedevano e vedono nelle leggi, che comunque conoscevano e conoscono poco, un ostacolo al “fare”. Il loro modo di procedere è questo: “Quello che appare bene a noi, rappresentanti eletti dalla gente, è l’unica regola”. Ho avuto modo di confrontarmi con una decina di segretari comunali: tutori della legge. Quelli che hanno avuto a che fare con la Lega Nord mi hanno detto quasi le stesse parole: “Queste persone, una volta elette, pensano di poter fare quello che a loro va bene e guardano il segretario comunale con sospetto, come partigiano di una legge che è rimasuglio di un passato da cancellare”.

E’ la sbornia del potere, del “faccio io”. Flavio Tosi è maestro in questo. Si adatta alle varie situazioni. Resta però saldo nel “ghe pensi mi”. Gli altri con contano.

– Secondo appunto. Mi interessa relativamente che i sospettati di parentopoli siano condannati o meno. Chi approfitta del suo ruolo è colpevole; ma ciò che è più grave, anche se non viene sanzionato dalla magistratura, è la mentalità, la visione della politica che emerge dai comportamenti descritti. Queste persone non sono in politica per il bene di tutti, ma per occupare il potere e approfittarne come possono e più che possono a vantaggio di una parte. Il sindaco Tosi ha voluto mettere alla guida degli enti comunali chi va bene a lui, inventandole tutte per lasciare alle minoranze e ad altre rappresentanze il minimo spazio. Non si è curato di scegliere persone competenti nel settore di impegno a loro affidato. Ha progressivamente eliminato le voci di autonomia e di dissenso anche lieve. Non ha tenuto conto che Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in Amministrazione Tosi, ATV, Aziende partecipate, enti economici veronesi, Eredità Tosi

Non saranno sospesi. Si aspetta il processo

Ottobre 2013. Il giudice Taramelli risponde “No” alla Procura di Verona.

Respinge le 9 richieste di sospensione dagli incarichi nelle aziende partecipate e lascia al loro posto tutti gli indagati (che restano indagati, in attesa di giudizio).

Nota Bene: i loro nomi e incarichi sono stati pubblicati ripetutamente sulla stampa locale: L’Arena di Verona e Il Corriere di Verona:

– Germano Zanella, presidente AMT;

– Giampietro Cigolini, direttore AGSM;

– Stefano Zaninelli, direttore ATV, già sospeso per due mesi nell’ambito di altra inchiesta;

– Carla Sarzi, consigliere AMT;

– Francesco Barini, consigliere AMT;

– Maurizio Alfeo, direttore di Serit;

– Alfonsino Ercole, direttore AMIA;

– Ennio Cozzolotto, direttore Transeco;

– Carlo Alberto Voi, direttore AMT.

Per il gip è pacifico che i dirigenti hanno assunto persone senza seguire criteri di selezione. Ritiene però che i reati non siano ripetibili e che non sussista il rischio di reiterazione. Alcuni addebiti poi si riferiscono a episodi lontani nel tempo.  Sollievo in Comune: i 9 dirigenti delle aziende comunali restano al loro posto. Sono scongiurati rallentamenti nell’attività.

L’indagine di Schinaia non si ferma: “Le richieste non sono state accolte. Però l’impianto accusatorio (“non sono stati rispettati i criteri stabiliti dalla norma”) non viene messo in dubbio dall’ordinanza del gip, che sottolinea che i 9 non si sono uniformati alle regole di prudenza suggerite in caso di mancanza di norme. In ogni caso, l’art. 97 della Costituzione impone l’accesso a pubblici uffici attraverso concorso. Non ho la minima intenzione di demordere”.

In vista del ricorso al Tribunale del Riesame di Venezia contro la decisione del gip, Schinaia porta tre motivazioni: Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in AGSM, AMIA, AMT, ATV, Eredità Tosi

Chi sono i dirigenti coinvolti in parentopoli ?

– Il Direttore di ATV. Ha già subito una sospensione dal suo incarico. Questo caso è simile al primo: si chiede la sospensione per aver aggirato la norma che prevede la massima pubblicità per le assunzioni in enti pubblici. La nuova contestazione riguarda quattro assunzioni sospette, nel 2008.

– I Consiglieri di amministrazione presenti al CdA di AMT ,quando cinque assunti a tempo determinato hanno ottenuto il contratto a tempo indeterminato. Tra questi c’è la sorella di un assessore regionale.

La difesa: “Il consigliere che difendo non sapeva che tra le cinque persone figurava la sorella di un politico. Durante il Consiglio non vennero fatti nomi. In ogni caso non ha agito né nella veste di pubblico ufficiale né in quella di soggetto incaricato di pubblico servizio: AMT è una spa di diritto privato e non pubblico: il reato di abuso d’ufficio non è contestabile”.

– Il direttore di AMIA nel periodo 2008 – 2010. Gli sono addebitate cinque assunzioni sospette.

La difesa: “Per le assunzione è stata osservata la procedura prevista dalla legge”.

– Il direttore di AMIA nel 2006 – 2007 (in causa per due assunzioni) passato poi in Serit (in causa per un paio di determine per incarichi a tempo determinato).

– Il direttore di Transeco (gli si addebita un’assunzione nel 2009) e, prima, di Serit (gli si addebitano due assunzioni: nel 2005 e nel 2008).

– Il presidente di AMIA nel 2008: ha assunto sua cognata senza concorso. Risponde: “Mia cognata è stata assunta due anni prima che io fossi presidente”.

– AMIA. Di assunzioni con sospetti clientelismi si parla da tempo. Valdegamberi (settembre 2010): “AMIA è ufficio di collocamento leghista. Sono stati assunti due consiglieri comunali leghisti di San Giovanni Lupatoto. Un dipendente AMIA è stato licenziato senza giustificazione”. L’allora presidente nega: “Parla di un suo amico di cui mi chiese l’assunzione”. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in AMIA, AMT, enti economici veronesi

Indagini in Azienda Trasporti Verona (ATV)

Autunno 2012. Le Fiamme Gialle sono in ATV per verificare presunti appalti pilotati e truccati con l’obiettivo che la ditta “Gestione Nicolini srl” di via Gioia (VR) si aggiudichi i contratti d’appalto per le pulizie dei mezzi pubblici di trasporto a Vicenza e a Verona.

Secondo la Procura scaligera, la ditta Nicolini, per garantirsi l’appoggio di Ferrotranvie Vicenza (FTV), pagava all’allora presidente e ad altri dirigenti di FTV lavori di ristrutturazione di abitazioni di residenza e di villeggiatura (a Folgaria: 108.000 euro), vini di eccellenza (per 17.000 euro), costosi champagne, viaggi a Cuba e a Londra; colf per i figli; libri, abbigliamento, lampade e mobili (per 15.000 euro); cancello e caminetto (per 5.000 euro); attrezzature da palestra e materasso dei sogni.

I dirigenti dell’azienda vicentina si difendono: erano regali dovuti a rapporti di amicizia.

Secondo il Pm, il Presidente di FTV faceva vincere gli appalti alla Nicolini e la presentava ad aziende di trasporti con appalti per le pulizie in scadenza.

L’indagine è partita in maniera casuale nell’estate 2011: in un container fermo nel cortile della ditta Nicolini, vennero trovate (perché puzzavano) sei salme destinate alla cremazione. Da anni AGEC affidava alla Nicolini gli appalti per la gestione dei servizi cimiteriali, per importi tra i 120.000 e i 160.000 euro. Nel corso delle perquisizioni, venne trovata una busta con la bozza dell’appalto per le pulizie dei bus ATV nel 2008. Questo ritrovamento ha scoperchiato gli appalti truccati. L’appalto trovato era uguale a quello pubblicato sul sito di FTV per l’assegnazione del servizio di pulizia in scadenza a Vicenza. A tre anni di distanza le caratteristiche che rendevano la ditta Nicolini l’unica in grado di vincere la gara, a Verona e a Vicenza, erano immutate.

Il gip (giudice per le indagini preliminari) Taramelli definisce Nicolini “imprenditore di particolare scaltrezza, Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Amministrazione Tosi, Eredità Tosi, Senza Categoria

Scricchiolii. Quanto è cattolico il comportamento di Cattolica Assicurazioni?

Un anno e mezzo fa, durante l’Assemblea dei soci di Cattolica Assicurazioni (io sono uno di loro), il sindaco Tosi intervenne non per un semplice saluto, ma per invitare a votare uno dei candidati alla presidenza (lo stesso da me sostenuto). Pensavo che la posizione del Primo Cittadino fosse presa per il bene della città. Nelle retrovie qualcuno a lui vicino mi bisbigliò di un patto tra il sindaco Tosi e la Presidenza in pectore: prevedeva contropartite e favori personali, tra i quali la nomina della sorella del Sindaco nel CdA di una importante partecipata e l’inserimento nel Consiglio di Amministrazione di Cattolica dell’avv. Maccagnani, dominus del Sindaco nella finanza scaligera. Non badai alle voci. Pensavo che fossero provocazioni Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in Riflessioni, Verona che non cambia