Archivi tag: opere pubbliche

Le grandi opere

Su di queste il sindaco Tosi gioca tutto se stesso nell’ultimo periodo della sua Amministrazione: Passante Nord con traforo – ArsenalefilobusVariante 23.

Sindaco Tosi: “Dopo la mia uscita dalla Lega e il rimpasto in Giunta, ho preso in mano io i grandi progetti. Per 8 anni se ne erano occupati gli assessori delegati. Se li porteremo in porto sarà solo per il mio lavoro, non per quello fatto prima. Lavoreremo fino all’ultimo giorno per la città: siamo fiduciosi che il dopo elezioni sarà all’insegna della continuità”. Sulle grandi opere è lotta totale.

Passante Nord, con traforo delle Torricelle e ponte sull’Adige.

Spesa prevista: 800 milioni: 500 per i lavori veri e propri; 300 per manutenzioni e oneri di gestione.

Luglio 2016. Sindaco Tosi: “I lavori dovevano partire quattro anni fa. La crisi economica ha fatto saltare alcune imprese, tra cui la “Mantovani. Ora il progetto va avanti.

Aspettiamo:

– il via libera del CIPE al piano finanziario dell’autostrada Brescia-Padova (A4), con i 53 milioni per il traforo. La spinta sarebbe forte. Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Amministrazione Tosi, Elezioni comunali 2017, Urbanistica

Fiera di Verona. Il Comune cerca i soldi. Dove ?

Il contributo del Comune è di 5,54 milioni, reperiti rinviando cinque opere pubbliche previste:

– adeguamento normativo e impiantistico della scuola “Busti” in Borgo Roma: un milione e mezzo;

– manutenzione delle mura magistrali: un milione;

– manutenzione della segnaletica stradale: 1.400.000 euro;

– manutenzione della sede dei Vigili urbani: un milione;

– spazio teatrale all’aperto al Castello di Montorio: 600.000 euro.

VeronaFiere è una priorità per il sistema città. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in L’Ente Fiera

Le promesse dell’Amministrazione Tosi dal gennaio al maggio 2012

Elenco da conservare per verificare se ciò che si fa corrisponde a ciò che si dice.

Se ricordiamo le promesse elettorali di 5 anni fa, ci rendiamo conto che son le stesse di quelle di questo elenco. Nulla di quanto promesso è stato realizzato.

1) Passante Nord con traforo delle Torricelle e ponte sull’Adige. Costo di costruzione: circa 500 milioni. Il gruppo Technital ha vinto l’appalto: dovrebbe gestirà i lavori e l’opera.

2) Filobus. Slitta la firma del contratto per realizzare il filobus. La Provincia deve decidere se fare la valutazione di impatto ambientale (VIA).

Altra ‘grana’: gli accertatori della sosta (gialloni) non possono fare multe (lo dicono la legge e i Giudici di Pace – sentenza 3819 del 2011). Conseguenza: mancheranno gli introiti delle multe.

Chi pagherà le rate del mutuo che AMT dovrebbe stipulare per realizzare l’opera? Filovia a rischio. AMT poi non potrà distribuire i permessi per i parcheggi né installare e gestire parcometri né svolgere attività di prevenzione e accertamento delle violazioni.

L’Amministrazione però non è della stessa opinione.

3) Ex Gasometro. Lavori assegnati. Secondo l’Amministrazione, il cantiere dovrebbe partire a fine maggio 2012. Verifichiamo se è vero.

4) Ponte San Francesco. Si passa al rifacimento della seconda corsia.

5) Caserma dei carabinieri a San Michele: prima pietra.

6) Sede unica del Municipio (oggi le sedi sono 17, delle quali 4 in affitto) all’ex Mercato Ortofrutticolo. Palazzo Barbieri resterebbe sede di rappresentanza, con uffici degli Assessori e le sedi della I^ Circoscrizione, dei Vigili urbani, dell’Ufficio manifestazioni ed eventi.

7) Entro maggio 2012: Museo della Lirica a Palazzo Forti, per 18 anni. Fondazione Arena verserà 480.000 euro all’anno al Comune. Accordo tra Paolo Biasi (Cariverona), Francesco Girondini (Fondazione Arena) e il sindaco Tosi. Inaugurazione annunciata per il 23 giugno. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Comune Verona

Cosa resterà di questi anni?

Lettera inviata al giornale “L’Arena” e non pubblicata

Alla Direzione de “L’Arena”

Cosa resterà di questi anni?

Più di 20 anni fa, ad Assisi, durante un viaggio di istruzione con i miei alunni, di fronte alla magnificenza delle opere d’arte che ci erano di fronte, mi è capitato di cantare una canzone del tempo: “Che cosa resterà di questi anni 80?”. Nacque una ricerca che ci accompagnò per mesi.

Oggi, in vista delle prossime elezioni amministrative, è bene che ci facciamo la stessa domanda: “Che cosa resterà di questi primi anni del nostro secolo?”.

Limitandoci all’amministrazione della nostra città e lasciando da parte, per un momento, tutto ciò che è dibattito, confronto e progetto, chiedo agli Amministratori, agli operatori dei mass media, alle realtà vive della città e a tutti i Veronesi: “Ce la sentiamo di guardare negli occhi la realtà? Cosa c’è di nuovo e di bello, che alimenta la speranza, nella Verona del nuovo millennio?”. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Comune Verona

Bilancio 2011. Progetti per il futuro

da “Il bilancio del Comune di Verona per il 2010 e per il 2011″ (11)

Il bilancio 2011 va approvato entro il dicembre 2010. Perché si rinvia di mese in mese? 

Il programma triennale dei lavori pubblici prevede di investire, per il 2011, 839 milioni, dei quali 641 da privati. Opere che si vorrebbe realizzare:

– Arsenale: 25 milioni di partenza.

– Caserma dei Carabinieri a San Michele: 2,2 milioni.

– Ceolara.

– Parcheggio ex Gasometro. La Regione ha concesso, nel 1994, 16 miliardi di lire, prorogati fino al  2013. Occorrono altri 30 milioni di euro. Pare che non se ne faccia nulla. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Il bilancio del Comune di Verona per il 2010 e per il 2011, Riflessioni

Bilancio consuntivo dell’era Tosi. Anno 2010

da “Il bilancio del Comune di Verona per il 2010 e per il 2011″ (7)

Torniamo, in conclusione, alle opere pubbliche dell’era Tosi. Se si vuole avere l’esatta dimensione dei sogni distribuiti a piene mani, basta procurarsi il best-seller delle opere comiche del dopoguerra veronese: il piano delle opere 2008-10, tutta farina del sacco Tosi. E’ documento approvato dalla neo maggioranza nel 2007: vi sono descritte, con dovizia di dettagli, le opere che nell’arco del triennio avrebbero dovuto vedere la luce, essere iniziate o a buon punto. Stando a quel libro delle bugie o”spiritose invenzioni”, nel 2011 avrebbero dovuto:

–          concludere i lavori alla Passalacqua;

–          inaugurare la nuova sede della Polizia Urbana e il nuovo parcheggio del Gasometro come, a parole e nei comunicati stampa, l’assessore Corsi ha già fatto tre volte;

–           restaurare Palazzo del Capitanio per il nuovo Museo di Scienze Naturali;

–          brindare alla nuova prestigiosa sede della Fondazione Arena presso l’Arsenale;

–           accompagnare nugoli di visitatori alla restaurata Torre del Gardello; Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Il bilancio del Comune di Verona per il 2010 e per il 2011, Riflessioni