Archivi tag: Maroni

La ‘Ndrangheta ha una cupola anche in Lombardia

E’ articolo di “Il Corriere della Sera” del 5-6-12. La ‘Ndrangheta lombarda è organizzazione unitaria con una certa indipendenza dalla casa madre calabrese. Le indagini e le 110 condanne la descrivono organizzata autonomamente, con gruppi a Milano, Cormano, Bollate, Bresso, Corsico, Legnano, Limbiate, Solaro, Pioltello, Rho, Pavia, Canzo, Erba, Mariano Comense, Desio, Seregno. Sono stretti i rapporti con la casa madre calabrese, ma è ribadita la sovranità delle “locali” nella sovraordinata struttura lombarda. Dal 2009 il referente è unico.

Tutto è avvenuto in fretta. Fino a un paio di anni fa di mafia in Lombardia neppure si accennava. Quando, qualche mese fa, Roberto Saviano ha parlato di ‘Ndrangheta in Lombardia, sembrò una notizia bomba e l’allora Ministro degli Interni Maroni volle uno spazio televisivo per smentire le dichiarazioni “non esatte” di Saviano, in particolare per le implicanze della Lega Nord. Oggi che la ‘Ndrangheta sia protagonista forte dell’economia lombarda, in particolare nell’edilizia, è dato scontato. Report e altre trasmissioni televisive hanno mostrato come le mafie siano piantate e vincenti soprattutto in Lombardia, ma anche in Liguria e in Piemonte.  Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Mafia al Nord

Cortei e preghiera di islamici nei pressi di luoghi di culto di altre religioni?

da: Quello che il sindaco Tosi dice e quello che fa (51)

“La Repubblica Italiana tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione” (Costituzione della Repubblica Italiana, n° 9)

Dopo la manifestazione degli islamici a Milano il 3 gennaio (a favore dei Palestinesi dopo l’intervento militare di Israele a Gaza) conclusa con la preghiera in piazza Duomo, il governo decide di impedire che gli islamici preghino per le strade e di delimitare i percorsi di manifestazioni per facilitarne il controllo.

Ministro Maroni: “Lo Stato deve garantire il diritto di manifestare e allo stesso tempo il diritto dei cittadini a fruire pacificamente degli spazi della propria città. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Flavio Tosi e gli immigrati: quello che dice - quello che fa, Riflessioni

Immigrati e italiani insieme per il futuro da costruire (31)

“Ogni individuo ha diritto al lavoro, alla libera scelta dell’impiego, a giuste e soddisfacenti condizioni di lavoro e alla protezione contro la disoccupazione” (Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, n° 23)

“Nessuno tocchi le badanti”. Meglio però che non siano in regola

Stefano Valdegamberi precisa: “Una politica di rigore e di legalità nei confronti dell’immigrazione non deve trasformarsi in un danno irreparabile per le famiglie italiane e per i nostri anziani. Oggi il 90% delle badanti che lavorano in Veneto è irregolare, ma stragrande maggioranza ha i requisiti per essere messa in regola. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Immigrati