Archivi tag: legge elettorale

Politiche 2013: tre obiettivi (3)

simbolo_udc_b

In vista delle elezioni politiche del 24-25 febbraio ci battiamo per tre obiettivi: 

Mario Monti Presidente del Consiglio

Stefano Valdegamberi alla Camera dei deputati

Tito Brunelli consigliere della Regione Veneto al posto di Valdegamberi

3) L’attuale legge elettorale è fatta su misura di chi vuole eliminare ogni  partecipazione popolare, ritenendo che solo alcuni (nel nostro caso una decina di persone a livello nazionale) sono in grado di capire, di governare, di decidere il futuro di tutti, mentre gli altri è meglio che facciano altro: ciò che sanno fare. Non sono idee di oggi: sono le note visioni del “leader massimo”, del partito guida, dell’imperatore illuminato, degli ‘ottimati’ che sanno reggere il popolo (bue). Ho avuto modo di dirlo in assemblee di partito. Mi hanno dato del disfattista, del lamentone, del pieno di sè. Alcuni hanno sostenuto che il loro partito era ed è contrario alla legge elettorale: l’ha subita. Sappiamo che se un partito è contrario a una legge e decide di battersi sul serio, i cittadini se ne accorgono. Se non ci siamo accorti di nulla, significa che nessuno si è battuto. Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Elezioni politiche 2013

Referendum sulla legge elettorale (6)

urnaelettorale3

Note irrilevanti per chi ci governa, ma non per noi

*Lo Stato, sempre ma specialmente in tempi di vacche magre, deve risparmiare il più possibile;

*Le continue scadenze elettorali costano e frenano chi sta al governo, per il timore di essere puniti.

Soluzione: concentrare in un unico giorno le elezioni che scadono nell’arco di alcuni mesi.

Lo spiega il ministro Roberto Maroni: “Il Consiglio dei ministri ha approvato che si voterà insieme per le elezioni europee, per i Comuni e per le Province”. Alleluia. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti

Referendum sulla legge elettorale (5)

urnaelettorale3

Cosa accadrà il 21 giugno? Cosa voteremo?

– andremo al seggio,

– saranno a nostra disposizione tre schede, ognuna con una proposta di referendum diversa,

– potremo ritirare tutte le tre schede oppure una o due,

– andremo nello spazio assegnato per esprimere il nostro voto.

Cosa votare? Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti

Referendum sulla legge elettorale (4)

urnaelettorale3

La posizione dei partiti politici sul referendum

Cosa pensano del referendum e cosa si propongono gli pseudo partiti politici italiani?

* Popolo delle Libertà. Sarebbe molto lieto (soprattutto Silvio Berlusconi) se si raggiungesse il 50,1% dei votanti e se vincessero i “sì”. Motivo: per la nuova legge referendaria lo pseudo partito che ottiene la maggioranza relativa dei voti, qualsiasi sia, ha la maggioranza assoluta (il 55%) dei seggi in Parlamento. Berlusconi lo ha detto chiaramente: la vittoria dei “sì” sarebbe un regalo formidabile e “io non sono così masochista da rifiutarlo”. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti

Referendum sulla legge elettorale (3)

urnaelettorale3

Sì o no alla legge “porcata”?

Oggi la legge elettorale italiana è una porcata (così la definisce il suo ideatore Roberto Calderoli – Lega Nord), molto gradita a chi ci comanda e non vuole delegare neppure un po’ del suo potere. Chi comanda (oggi Berlusconi e Bossi: quelli che, con Fini e Casini, hanno impostato e votato questa legge – Casini ora dice che la vuole cambiare) continua ad affermare che agisce a nome del popolo, ma gradisce scegliere lui, in prima persona( non il popolo sovrano) i parlamentari: vuole essere lui a decidere cosa devono “pensare” e votare i ‘suoi’ parlamentari. Al punto che Berlusconi (uno che quello che dice non lo improvvisa e nel tempo persegue l’obiettivo dichiarato) arriva a dire che, per fare in fretta, è meglio che in Parlamento votino solo i capi dei gruppi parlamentari. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti

Referendum sulla legge elettorale (2)

urnaelettorale3

Alla lista più votata andrebbe (se il referendum ha successo) il 55% dei parlamentari.

Se la proposta referendaria viene approvata, la lista più votata alle elezioni politiche ottiene il premio che le assicura la maggioranza dei seggi (il 55%); le altre liste che superano lo sbarramento previsto, si dividono proporzionalmente i seggi rimanenti (il 45%), ottenendo una rappresentanza. Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in Commenti

Referendum sulla legge elettorale (1)

urnaelettorale3

Il 21 giugno torniamo a votare. Solo a Negrar e a San Bonifacio ci sarà il ballottaggio per l’elezione del Sindaco. Tutti invece voteremo il referendum sulla legge elettorale, legge caposaldo della democrazia. Molti italiani non lo sanno.

Per quanto ci risulta, quasi nessuno sa che chi va ai seggi si troverà tra le mani non una, ma tre schede. I quesiti del referendum, infatti, sui quali saremo chiamati a dire “sì” o “no”, sono tre: tre referendum per modificare, nell’attuale legge elettorale, i meccanismi che attribuiscono il premio di maggioranza e per eliminare la possibilità che la stessa persona si candidi in più circoscrizioni. Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in Commenti