Archivi tag: Lega

Rifiuti campani in Veneto? SI–NO: Tira-Molla

La questione infiamma gli animi e dimostra, se ce n’era bisogno, l’aria che tira.

Il 28 giugno, da Roma, Umberto Bossi e Roberto Calderoli danno il via libera a che i rifiuti campani siano diretti anche verso Nord. Il ministro per i rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto, convocherà un incontro Stato-Regioni per lo smaltimento della ‘munnezza’ napoletana. Condizioni per procedere: disponibilità di tutte le Regioni; periodo determinato; tipologia e qualità dei rifiuti. Meglio limitare l’invio all’estero. Questa apertura resta però nei palazzi romani.

Il Carroccio veneto non ci sta: sbarra le discariche affermando che la capacità di smaltimento è già satura e che tecnicamente non c’è disponibilità: “Ci metteremo di traverso per non far passare i rifiuti. Se li smaltiscano a casa loro. Siamo saturi, a mala pena autosufficienti. Da noi, mai!”. Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Commenti

Le mani leghiste sugli enti pubblici (= sulla città)

A.M.I.A (azienda comunale che gestisce la raccolta dei rifiuti urbani e cura il verde pubblico).

E’ azienda povera, con un giro di soldi limitato: più che altro gli stipendi per i dipendenti. Nell’ultimo periodo, visti la spazzatura in strada a Napoli e in Campania, lo stato dell’inceneritore di Ca’ del Bue e l’urgenza di avere una discarica a disposizione per ogni evenienza, AMIA acquista un peso maggiore in città e in provincia. Si parla da anni di una auspicabile fusione AMIA-AGSM, ma il passo non viene compiuto.

Con l’avvento dell’Amministrazione Tosi, è nominato presidente Enrico Toffali (Lega). Entrano nel CdA Giuseppe Bettone (F.I.), Michele Ferrari (A.N.), Stefano Legramandi (lista Tosi), Elena La Paglia (P.D.).

Nebbia! C’è da sperare al buio.

Prima riunione del 2008 del Consiglio di Amministrazione appena nominato: questi signori non temono l’impopolarità né la tempistica e neppure il fatto che, appena nominati, hanno aumentato del 13% la TIA (tassa sui rifiuti). Provvedono subito ad aumentarsi lo stipendio: quello del presidente Toffali passa da 45.000 a 65.000 euro; quello dei quattro consiglieri da 15.000 a 24.000 euro. L’assessore agli Enti Sandro Sandri (Lega) dichiara: “Abbiamo adeguato lo stipendio a quello delle altre aziende comunali. Era fermo al 2000”. E’ da dire che l’adeguamento è agli stipendi più alti: quelli di AGSM (70.000 euro al Presidente e 28.000 ai Consiglieri), non certo a AGEC (17.693 al Presidente e 7.077 ai Consiglieri). Altra giustificazione del’Amministrazione: “In seguito alla diminuzione del numero dei Consiglieri del CdA imposto dal provvedimento del ministro Lanzillotta, spenderemo un po’ meno di prima”. E’ da rabbrividire: il risparmio previsto per la diminuzione dei costi della politica viene distribuito tra i membri-amici del CdA: è quanto si voleva e si doveva evitare. “Roma Ladrona” o/e “Lega ladrona“? Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Comune Verona

Così va la politica…: la Lega Nord e la Tramvia

combino.jpgHo davanti a me la pagina di “La Padania” del 10 gennaio 2001, con le foto della tramvia, di Flavio Tosi (allora capogruppo leghista in Consiglio comunale) e di Stefano Zaninelli (allora presidente dell’AMT Verona).

Titolo: “Dopo vent’anni si realizza un sogno”

Sottotitolo: “Il capogruppo leghista Tosi soddisfatto per il risultato ottenuto in città”

Testo: “Il progetto destinato a rivoluzionare i trasporti veronesi ha incontrato la logica soddisfazione di Flavio Tosi, capogruppo leghista in Regione e consigliere comunale a Verona. “Erano più di vent’anni – commenta – che in riva all’Adige non si facevano infrastrutture importanti. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Comune Verona