Archivi tag: Gian Antonio Stella

Rivoli e Garda: pesanti critiche a Tosi

Pesanti critiche di L’Espresso e Il Corriere della Sera (5-5-12) al sindaco Tosi sulla questione Rivoli e Garda

Secondo il giornalista Stella, il sindaco Tosi c’entra con l’appalto del plesso scolastico di Rivoli.

Tosi: “E’ falso che il Comune di Verona abbia affidato un appalto a società accusate di legami con la ‘Ndrangheta. L’unico motivo per cui il Comune di Verona c’entra è che ha prestato a Rivoli due architetti per le procedure. Il balletto delle ditte succedutesi a Rivoli nei lavori, tutte in possesso di certificazione anti mafia, è frutto della legislazione nazionale”.

* Risponde Stella: “E’ il Comune di Rivoli che parla di caotici giri di imprese. E’ vero che il Comune di Verona ha dato una mano per affinità leghiste a quello di Rivoli ‘per aiutarlo a espletare le procedure tecnico amministrative’, ma la delibera comunale di Rivoli dice che il Comune di Tosi ‘responsabile unico’ è delegato a occuparsi anche delle ‘procedure di gara e aggiudicazione dell’appalto fino alla stipulazione del contratto’. La scelta dell’impresa I.I.E. di Sellia Marina (Catanzaro), ritenuta dal giudice legata alla ‘Ndrangheta, come la “C.e.s.i.t.” di Botricello (Catanzaro), dotate entrambe del bollino anti mafia, fu fatta dunque anche col concorso del Comune di Verona”.  Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Mafia al Nord

Immigrati e italiani insieme per il futuro da costruire (94)

“Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l’effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto di asilo nel territorio della Repubblica, secondo le condizioni stabilite dalla legge” (Costituzione della Repubblica Italiana, n° 10)

Occorre conoscere il fenomeno immigrazione

Gian Antonio Stella (giornalista)

Il sindaco Tosi rifiuta la Consulta degli immigrati; cancella dai documenti dei senza tetto l’indirizzo pietoso di via dell’Ospitalità n° 1 e lo modifica con via dei Senza fissa dimora, n° 0; vuole un innalzamento abnorme dei metri quadrati della casa richiesti per gli immigrati che chiedono di farsi raggiungere da mogli e figli. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Immigrati, Riflessioni