Archivi tag: Ente Fiera

Assunzioni in Fiera? Si indaga

Il fatto che si indaghi in Fiera è particolarmente grave per l’importanza di questo ente, determinante per il presente e per il futuro della città. Sappiamo che l’Expo 2015 a Milano è molto importante anche per Verona e vede in prima fila la nostra Fiera.

Settembre 2013. La Procura, su disposizione del sostituto procuratore Valeria Ardito, indaga per verificare alcuni contratti professionali stipulati dalla Fiera, ente autonomo, di diritto privato. L’inchiesta è sulla correttezza delle assunzioni negli enti pubblici. La Procura ha chiesto la documentazione relativa ad alcuni contratti di lavoro e ad alcune consulenze. Si tratterebbe di contratti a progetto, a tempo determinato: prestazioni professionali. Probabilmente sono le modalità di assegnazione a interessare la Procura scaligera. Si tratta di accertamenti simili a quelli effettuati anche in ATV, dove si tradussero in un provvedimento cautelare per il direttore generale e per il responsabile del personale, che furono sospesi per due mesi dal servizio.

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Indagini giudiziarie, L’Ente Fiera, Vicende giudiziarie

Invasione di centri commerciali e di grandi strutture di vendita.

In gran parte a Verona Sud.  Nella provincia di Verona le aree commerciali occupano 144.000 mq. Il Piano degli Interventi del Comune di Verona prevede nella sola V^ Circoscrizione (Verona Sud) interventi a favore del grande commercio per 432.233 mq: aree vendute per fare cassa.

Il sindaco Tosi ha sempre raccontato che i parcheggi erano la priorità assoluta per la Fiera e che nell’area dell’ex Mercato ortofrutticolo si possono realizzare solo quelli.

–  Novembre 2013. L’Amministrazione che difende a spada tratta i ‘bisogni’ della Fiera le colloca sull’uscio di casa un centro commerciale, eliminando centinaia di parcheggi. Giustificazione: con il ricavato si finanzieranno altri parcheggi.  Nodo del contendere: centri commerciali e supermercati a Verona Sud sono troppi o no?

– Italia Nostra: “Un’esagerazione. L’87% delle aree del P.I. in V^ Circoscrizione sono commerciali, per un totale di 435.000 mq”.

– Bertucco: “Il P.I. prevede oltre 500.000 mq di centri commerciali”.

– Giacino: “Bertucco dà i mq totali degli spazi in cui sorgono centri commerciali, non le superfici di vendita, che arriveranno poco oltre i 90.000 mq contro i 199.000 potenziali, concessi dal PAT di Zanotto; il resto sono celle frigorifere, magazzini e altro”.

– Bertucco: “Se Giacino pensa che 300.000 mq saranno di celle frigorifere vive su un altro pianeta. L’area occupata da centri commerciali a Verona Sud sarà pari all’intero centro storico di Verona. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Cementificazione, Eredità Tosi, L’Ente Fiera, Piano degli Interventi 2011, Quinta Circosrizione, Urbanistica

Una svolta storica.

L’Amministrazione Zanotto, con Fondazione Cariverona, Banco Popolare di Verona e Cattolica Assicurazioni, ha ideato, all’ex Mercato ortofrutticolo, il Polo finanziario: la cittadella veronese della finanza. Progetto abortito.

Comune e Fiera hanno riacquistato l’area, di 60.000 mq, costituendo la “Polo fieristico”, che ha ridotto il suo capitale e ha liquidato ai soci 17,2 milioni: 15 al Comune e 2,2 alla Fiera. Il rimborso ai soci è possibile vendendo gli 8.500 mq finalizzati all’ipermercato.

Svolta storica? Perché? Un centro commerciale davanti alla Fiera segna una linea di demarcazione tra un prima e un dopo nella pianificazione della zona. Quel territorio infatti è sempre stato considerato strategico per una riconversione urbanistica di pregio di Verona Sud e per il futuro della Fiera.

Perché parliamo di “svolta storica”? Il sindaco Tosi va ripetendo da anni, in decine e decine di interventi :

– Anno 2008. “Il Polo finanziario é incompatibile con la presenza della Fiera”.

– Anno 2009. “L’area di fronte alla Fiera non può essere “Cittadella della finanza”. Zanotto ha scelto per il Polo finanziario l’unica area di Verona su cui non può essere fatto. La Fiera può espandersi solo lì: unica area possibile per il suo sviluppo. Sull’enorme piazzale a disposizione della Fiera occorrono un albergo, uffici, parcheggi e negozi collegati ai temi delle grandi Fiere: vino, cavalli, agricoltura. Quando ci sono eventi fieristici quell’area è indispensabile. Per il bene della Fiera il Comune mette a disposizione parcheggi, senza i quali essa non può andare avanti: un’esigenza vitale. Dovrebbero capirlo tutti, no? Sbagliato è il posto scelto per il Polo finanziario”.

–  Anno 2010. Tosi ribadisce: “Quel terreno va usato come naturale sviluppo della Fiera Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Cementificazione, Eredità Tosi, L’Ente Fiera, Parcheggi, Urbanistica