Archivi tag: autodromo

La democrazia è ancora un bene primario? (1)

Siamo tra coloro che credono fondamentale una democrazia partecipata, di popolo o ci rassegniamo tutti a una democrazia elettorale?

1)      La democrazia è ancora un bene primario, per ciascuno di noi, per noi come popolo?

Molti ritengono che la democrazia in Italia sia in coma profondo.

Parecchi studiosi avvertono che oggi la democrazia tradizionalmente concepita (gruppi organizzati che dibattono e partecipano alla elaborazione di progetti, in vista del bene comune) non regge: occorre inventare modalità nuove e originali che garantiscano la sovranità dei cittadini. Continua a leggere

Annunci

1 Commento

Archiviato in Commenti, Europa, Riflessioni

La democrazia è ancora un bene primario?

terzo_stato

La democrazia è ancora un bene primario, per ciascuno di noi, per noi come popolo?

Molti ritengono che la democrazia in Italia sia in coma profondo. Parecchi studiosi avvertono che oggi la democrazia tradizionalmente concepita non regge: occorre inventare modalità originali che garantiscano la sovranità dei cittadini. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Riflessioni

Assemblea pubblica sul tema “Un autodromo nel veronese. Cosa c’entra?”

locandina_16_gennaio

La prossima assemblea è organizzata per la sera di venerdì 16 gennaio 2009 – ore 21 – nella sede storica di via Brunelleschi 12 ed avrà per tema:

Un autodromo nel veronese. Cosa c’entra?

Testimone relatore sarà Cesare Nicolis, che da tempo segue questo progetto che trasforma una vasta area della nostra provincia, Everardo Amadio (responsabile territorio e parchi per il WWF) e Carlo Reggiani, cittadino attivo nel territorio. Conduce Mauro Tedeschi.
Contiamo su una presenza convinta e attenta.
Ci proponiamo di avere informazioni su quanto si sta programmando e di tentare di capire perché si è proceduto, finché è stato possibile, nel silenzio e nella disinformazione generale, anche se si tratta di opere che hanno costi economici elevatissimi e che sono destinate a cambiare radicalmente la fisionomia e la funzione agricola naturale di un vasto territorio. A beneficio di chi? E’ importante che si diffonda la volontà di vederci chiaro in un progetto mastodontico di lavori pubblici e di cementificazione Ci chiediamo anche se è ammissibile che poche persone  decidano di modificare in maniera definitiva una parte notevole del nostro territorio, devastandolo, senza un preliminare dibattito sul futuro che ci aspetta.

Leggi la locandina.

3 commenti

Archiviato in Incontri e Assemblee