Archivi tag: AGEC

Alla seconda richiesta di parere, la Cacciavillani risponde che

– la Motta può rimanere legittimamente direttore generale facente funzioni;

– l’incarico deve avere un limite temporale certo, il più breve possibile;

– quanto prima AGEC deve ripetere le fasi finali della gara di selezione del prossimo dg.

Giugno 2016. Il caso pare chiuso. Sono scaduti i termini per presentare ricorso contro la nomina. AGEC archivia le polemiche e riparte.

Questa è la speranza, ma è proprio così?

Bertucco: “E’ ancora tutto da chiarire: il consulente accorda alla Motta una breve proroga. AGEC deve fare notizia per interventi a favore del diritto alla casa, tema che non sembra essere nelle corde dell’Amministrazione”.

Mani anonime distribuiscono volantini al personale AGEC.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in AGEC, Aziende partecipate

La voce dei sindacati

Marzo 2015. La CISL chiede chiarimenti ad AGEC su più aspetti:

– sul trasferimento della farmacia comunale di Cadidavid: si allontana dalle case per risparmiare l’affitto. Caleranno però anche i ricavi. Chi pensa al disservizio per i cittadini?;

– non procede la riconversione patrimoniale, con eventuali vendite di immobili di pregio per aumentare l’offerta di alloggi popolari;

– ci sono alloggi sfitti per carenza di manutenzione;

– qual è lo stato di avanzamento del Piano città: Arsenale, Passalacqua, progetto holding?;

– questione dg. La CISL chiede al CdA, al Collegio revisori, a Sindaco e Assessore l’accesso agli atti. “La mancanza di una gestione manageriale e il venir meno della fiducia richiedono un cambio di guida, che garantisca la gestione ottimale dell’azienda”. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in AGEC, Aziende partecipate

AGEC bloccata

Marzo 2015. Galli Righi: “L’azienda è bloccata. Se il problema sono io, per il suo bene, sono pronto a dimettermi”. Sono ferme delibere importanti, come il nuovo assetto organizzativo di AGEC e la modifica del prezzo di refezione scolastica chiesta dal Comune.

Assessore Toffali: “Le delibere vanno discusse e votate. Non si può bloccare un’azienda di vitale importanza, come AGEC. Gli enti non possono diventare terreno di scontro per logiche di parte e/o di partito. Le battaglie personali e di gruppo si fanno altrove, non nel CdA dell’azienda. Basta sprecare tempo. Ricominciamo a lavorare. Altrimenti Comune e Sindaco sono decisi e legittimati a revocare i propri rappresentanti in seno al CdA”. Ma lo scontro continua.

Oltre alla vicenda Motta, c’è la costituzione di AGEC come parte civile contro il suo vicepresidente Colognato, imputato al processo “AGEC 2”. L’inchiesta è stata avviata su esposto della Motta. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in AGEC, Aziende partecipate

Chi dopo Tartaglia?

Settembre 2014. AGEC pubblica il bando per la scelta del nuovo direttore generale (dg). Sono 61 i candidati per il dopo Tartaglia. Li esaminerà anche uno psicologo.

Novembre 2014. A selezione ultimata, rimangono 5 candidati.

Dicembre 2014. Maria Cristina Motta è confermata dg AGEC, per tre anni: “Proseguirò il lavoro iniziato”.

I consiglieri del CdA sono 5. Al momento del voto, uno esce e non vota; due votano a favore, due contro. Si approva perché il voto del Presidente vale doppio.

Gennaio 2015. I due consiglieri che hanno votato ‘no’ chiedono che il CdA ridiscuta la nomina della Motta: un perito esterno sancisca la regolarità o meno della nomina. Tempo: due mesi. AGEC salderà il conto. La scelta cade su Chiara Cacciavillani, professore ordinario di diritto amministrativo all’Università di Padova.

Marzo 2015. Il ‘parere pro veritate’ della Cacciavillani: “La nomina della dottoressa Motta a dg di AGEC è illegittima. O si fa un nuovo bando di concorso o si integra il procedimento con lo svolgimento delle fasi mancanti, che sono: Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in AGEC, Aziende partecipate

Bilancio AGEC 2015: Pesanti scricchiolii

Luglio 2016. La Giunta comunale approva il bilancio AGEC 2015. I toni però sono inediti e le critiche severe: una svolta nei rapporti tra Comune e AGEC? Il Comune invita l’azienda a seguire le sue direttive su assunzioni, incarichi e consulenze. Nel 2015 sono stati spesi 350.000 euro per incarichi esterni e quasi 70.000 nei primi 6 mesi del 2016, tra cui 7.200 per una consulenza per creare il nuovo logo con campagna mediatica. Tensione evidente.

I rimproveri della Giunta a AGEC:

– nonostante le sollecitazioni a migliorare il risultato economico nel settore cantieristico, non si intravedono azioni significative. Il settore cantieri è ridotto ai minimi termini, con una produzione di 129.301 euro, in diminuzione del 72,2% rispetto al 2014

– non ha aggiornato i regolamenti interni su assunzioni del personale e conferimento degli incarichi; Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in AGEC, Aziende partecipate

Bilancio 2015: quello della svolta? No

Maggio 2015. Commissione bilancio. Si discute il fortissimo tasso di malattia tra i dipendenti in servizio nelle mense scolastiche. Nel 2014, il numero dei dipendenti nelle 75 strutture scolastiche era di 284, dei quali 217 sono stati assenti per malattia. Di questi 106 risultano “idonei con limitazioni”; 33 dei quali, secondo il medico aziendale, non possono sollevare pesi superiori ai 5 chili. Tre mesi dopo questo numero aumenta di quasi 20 persone. Media giornaliera: 27 malati. In totale: 3.486 giorni di assenza dal lavoro. Difficile coprire le esigenze del servizio. Si ricorre a personale interinale. In un anno 15 persone sono state assunte a tempo determinato.

Galli Righi: “Il tasso di assenza per malattia tra i dipendenti delle mense è, a livello nazionale, del 5%; tra i dipendenti AGEC è del 30%. Esternalizziamo il servizio: Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in AGEC, Aziende partecipate

Bilancio AGEC. Anni 2013 e 2014.

In rosso. Perché?  Il Consiglio comunale approva il bilancio AGEC 2013. La perdita di esercizio è di 6.228.250 euro.

Presidente Galli Righi: “La colpa è il pagamento del mutuo di 40 milioni stipulato con le banche per l’acquisto delle farmacie comunali: grava per 8 milioni all’anno sulle casse AGEC. Speriamo che sia l’ultima volta che i conti chiudono in rosso. E’ prossimo il ritorno in utile: 768.319 euro nel 2015; 931.849 nel 2016”. Il dg Motta: “Questo è l’anno più pesante. Abbiamo contenuto la perdita rallentando investimenti e manutenzioni. Dal 2015 avvieremo piani di investimento pluriennali e cominceremo ad avere vantaggi fiscali”. Le perdite (sarà così anche nei prossimi due anni) riguardano le mense: – 1,65 milioni. I conti sono in attivo nel settore immobiliare (+ 3,68 milioni) e in quello cimiteriale (+ 717.000 euro).

Il Consiglio comunale approva il bilancio AGEC 2014. Non è l’anno della svolta. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in AGEC, Aziende partecipate, enti economici veronesi