Archivi tag: 2011

Piano degli Interventi

da “Piano degli Interventi 2011” (5)

Autunno 2011: finalmente l’Opposizione si fa sentire. Per battersi con frutto, bisognava partire quattro anni fa.

Partito Democratico:

– La filosofia di fondo del piano è condivisibile. Bene le compensazioni. Passando all’attuazione pratica cambia tutto: mancano uno studio urbanistico approfondito e un organico piano urbanistico e dei servizi. Non si prevede il potenziamento del trasporto pubblico. Ci viene presentata una serie di francobolli, senza un disegno complessivo: un contentino a molti, a scapito della qualità della vita, del verde e della programmazione del territorio. Siamo di fronte a colate di cemento.

– L’idea di Verona è a rischio. Il P.I. non risolve i problemi: è una massiccia cementificazione: dove il PAT prevede spazi verdi ora è permesso edificare. Si prevede consumo di campagna e di aree di servizio in ogni quartiere, con l’aggressione a zone delicate, come Poiano e Montorio. E’ la logica del “accetta il cemento e avrai l’asfalto”, a scatola chiusa. Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Piano degli Interventi 2011, Riflessioni

Piano degli Interventi

da “Piano degli Interventi 2011” (4)

Chi capisce bene quanto succede è il presidente dei Costruttori Andrea Marani

Egli ripete da anni che “la politica non dà risposte. Cerchiamo di farle capire che la crisi si combatte partendo dal rilancio delle costruzioni, ma non fanno niente. Il mondo dell’economia è bloccato. Noi costruttori non sappiamo più cosa fare. Negli ultimi tre anni, nel Nord Est, circa 30 imprenditori si sono suicidati”.

Ora Marani si complimenta per il P.I.: “E’ primo passo. Non chiamateci palazzinari. Vogliamo Verona bella, in tempi veloci; con l’aiuto di tutti, possiamo riuscirci. Nel passato si è cementificato troppo e male; eravamo nel dopoguerra e mancavano mezzi e conoscenze che oggi ci sono: occorre demolire e ricostruire bene, pensando alla persona e al sociale. Non è pensabile oggi un condominio o una palazzina uffici senza palestra, senza spazi per conferenze e zone a misura di bambino. Chiediamo agli istituti bancari e all’economia di darci i soldi per partire. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Piano degli Interventi 2011, Riflessioni

Piano degli Interventi

da “Piano degli Interventi 2011” (3)

L’assessore all’Urbanistica Giacino  dice un’altra piccola parte della verità.

I cittadini hanno la possibilità di capire?

“Finalmente, dopo 50 anni dall’ultimo Piano Regolatore Generale, nei prossimi 10 – 20 anni, siamo in grado di dare un nuovo assetto al territorio. Le opere di compensazione pubblica, per 145 milioni, consentono di progettare lo sviluppo di Verona e di risolvere molti problemi esistenti, sanando carenze nei quartieri e correggendo errori. Gli indici di edificabilità saranno più bassi che nel passato. L’80% degli interventi sarà su aree da riconvertire. I privati dovranno vincolare la metà dell’area assegnata a verde e servizi, alla piantumazione di alberi e all’utilizzo di sistemi di bioedilizia. Sarà costruito il 47% di quanto consente il Piano di Assetto del Territorio (PAT) della Giunta Zanotto. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Piano degli Interventi 2011, Riflessioni

La nuova Verona secondo il “Piano degli Interventi”

da “Piano degli Interventi 2011” (1)

La nuova Verona secondo il “Piano degli Interventi”, ufficialmente preparato dall’Amministrazione Tosi – Giacino, in pratica da alcune centinaia di privati che colgono l’occasione della debolezza della politica e del bisogno di soldi del Comune per guidare il nostro futuro.

In questi giorni, in Consiglio comunale, va al voto finale il “Piano degli Interventi” (P.I.) che disegna l’architettura della Verona del futuro.

L’Amministrazione (sindaco Tosi e assessore all’Urbanistica Giacino) presentano il piano come un affare per la città: con soldi di privati si faranno circa 400 opere pubbliche nel territorio. Quasi un miracolo, viste le ristrettezze economiche in cui versa il Comune.

Privati “benefattori”, che hanno nella mente, nel cuore e nel portafoglio il bene della città?

E’ proprio così?

Per rispondere con consapevolezza occorre sapere (ma chi ce lo dice?) cosa prevede il Piano.

Nelle intenzioni dell’Amministrazione, dei costruttori e dei detentori privati del potere economico, nel prossimo periodo sorgeranno in città  almeno 300 cantieri: spunteranno grattacieli, palazzi, abitazioni, alberghi, hotel, negozi, centri commerciali, uffici. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Piano degli Interventi 2011

Augurio di Pasqua

Conosciamo queste parole. Le riascoltiamo.

Chi le ha scritte continua ad accompagnarci e ci sprona, con la forza del Risorto

“Vorrei che potessimo liberarci dai macigni
che ci opprimono ogni giorno:
Pasqua è la festa dei macigni rotolati.
La mattina di Pasqua le donne, giunte nell’orto, videro il macigno rimosso dal sepolcro.
Ognuno di noi ha il suo macigno.
Una pietra enorme messa all’imboccatura dell’anima che impedisce la comunicazione con l’altro.
E’ il macigno della solitudine, della miseria,
della malattia, dell’odio,
della disperazione del peccato.
Pasqua allora sia per tutti il rotolare del macigno, Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Commenti