Piccoli politici – Piccoli cittadini

Il solo pensare che Matteo Salvini abbia un ruolo importante nella politica italiana fa tremare: diffonde odio e rancore.

Proposta di Berlusconi sulla cacciata dall’Italia degli immigrati: “Chi, quale Paese se li riprenderà? Nessuno lo sa. Non ne ha la minima  idea neppure Berlusconi. La sua dichiarazione evidenzia l’incosciente superficialità con cui i politici italiani trattano il tema immigrazione.

E’ superficiale tenere in vigore la legge Bossi-Fini, sull’immigrazione, secondo la quale il modo legale per far entrare in Italia immigrati per ragioni economiche è che un imprenditore italiano, in cerca di lavoratori, si rivolga a uno straniero interessato chiedendogli di essere assunto con regolare contratto di lavoro. Ipotesi irrealistica.

Sui fatti di Macerata. La classe politica non va oltre lo sdegno e il losco calcolo politico. Nessuna idea. Nessuna proposta. Nessuna capacità di trarre lezione da quanto successo.

I reati commessi da immigrati sono, percentualmente, enormemente superiori (60%) a quelli commessi da italiani.

Riguardano prostituzione, spaccio e azioni contro il patrimonio (furti in appartamento, borseggio, …): reati che diffondono degrado, allarme e spesso un senso di rivolta nelle zone più povere dei centri urbani e negli strati più deboli della popolazione. 

Possibile che non ci sia nulla da fare per arginare simili fenomeni? Bisogna cancellare attenuanti, arresti domiciliari, patteggiamenti, libertà vigilata e simili e puntare su percorsi giudiziari accelerati con la garanzia di una sicura e immediata detenzione carceraria per i colpevoli.

Il fatto devastante, che la classe politica sembra non capire, è che oggi nessun italiano ricorda neppure un provvedimento volto a contrastare nel territorio nazionale uno dei mille aspetti negativi legati al fenomeno immigrazione. Ci si rende conto che razza di delegittimazione ciò significa?

(spunti da interventi di Ernesto Galli Della Loggia)

 

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Elezioni Politiche 2018, Parere di Tito Brunelli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...