Archivi del giorno: 12 maggio 2017

Note di Tito Brunelli:5

La voce

……….rileggiamo la poesia di Giovanni Pascoli

Soprattutto all’avvicinarsi di elezioni, dentro di me e, penso, in molti si infiamma il dibattito: da una parte una vocina dice: “Tito, parli ancora di politica? Non ne hai ancora viste e subite abbastanza? Non salviamo il mondo. Non possiamo fare niente di fronte a tanta superficialità: in politica va avanti chi procede su strade che non sono le nostre. Vincono i disonesti”. Dall’altra parte emerge la voce della responsabilità, alimentata da questo Papa che non ci lascia in pace. E’ la voce del dovere di ogni persona di ‘coltivare la città’, di renderla bella, accogliente per tutti, ricca di umanità, di cultura, di lavoro, aperta allo Spirito che dona la vita. Questa voce ci fa intravedere davanti, nonostante il buio, “cieli nuovi e una nuova terra”. Molti decidono di assistere da spettatori al procedere della politica; ritengono che non ci siano le condizioni per un impegno capace di portare frutto. Molti si sentono vecchi. Pochi ascoltano la vocina (si chiama responsabilità) e si mettono in moto.

La vocina dice ai pochi che la ascoltano che la città va ripensata. Mostra un modello: la Verona che rinasceva dopo la seconda guerra mondiale. I pochi protagonisti di quel tempo ancora viventi parlano di un’epoca ricca di visioni innovative, Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Elezioni comunali 2017, Parere di Tito Brunelli, Riflessioni