Piano degli Interventi – Variante 23 – II

Il PAT (Piano di assetto del territorio, l’antico Piano Regolatore Generale) delinea le scelte strategiche del Comune per il governo del territorio. Il P.I. (Piano degli interventi) individua i singoli interventi, i servizi e le infrastrutture che attuano la programmazione urbanistica comunale.

L’Amministrazione Tosi rivede il PAT e approva il P.I. alla fine del 2011; individua, in città, 315 aree edificabili: 200 circa confermate dai proponenti e approvate dalla Giunta e 79 decadute per mancanza di interesse da parte dei proponenti: la crisi economica ha fatto decadere molti progetti. I privati potranno costruire, compensando la città con opere pubbliche come strade, parchi, piste ciclabili, scuole, palestre, … Obiettivi del Comune: incoraggiare iniziative imprenditoriali e avere soldi a disposizione per opere pubbliche.

Anno 2014. Il Comune chiede ai proponenti di confermare i progetti presentati. Risposte positive: 65. Sindaco Tosi: “Accoglieremo le richieste di modifica. Metteremo in moto molti cantieri privati in cambio della costruzione di opere pubbliche per la città”.

Anno 2015. Sindaco Tosi: “Lo stato di attuazione del P.I. è accettabile”.

Per il PD invece è un flop: sui 215 progetti proposti da privati e approvati dall’Amministrazione, 24 sono decaduti (i privati hanno rinunciato); 48 saranno rivisti; 43 non sono mai stati controllati; per 52 c’è una proposta di riconversione, mai protocollata. Per 9 progetti c’è l’accordo definitivo, ma mancano le firme dei proprietari delle aree interessate.

Bertucco: “I fallimenti sono colpa della crisi; ma anche di superficialità e giochetti. Se continua ‘mattone selvaggio’ è lecito aspettarsi un nuovo flop. L’Amministrazione cercherà di recuperare alcune proposte per il quinquennio 2017-2022”.

Francesco Marchi, assessore all’Urbanistica: “In piena crisi economica, i progetti che non sono andati avanti sono il 34%. Significa che il 66% procedono: percentuale più che accettabile”.

Inizio 2016. Parecchi progetti decadono.

Gian Arnaldo Caleffi, neo assessore all’Urbanistica: “Il P.I. non era sbagliato: è stato redatto in un’epoca storica, rispetto alla quale è cambiato tutto. Mai successo che i costruttori chiedano meno metri cubi (mc). In passato erano guerre per ottenerne di più. Studiamo una nuova Variante”.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Amministrazione Tosi, Elezioni comunali 2017, Piano degli Interventi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...