I soliti guai di AMIA

Estate 2015. Sempre più spesso cittadini segnalano sporcizia, incuria, cestini pieni, foglie. Anche il centro storico è deturpato dai rifiuti. Preoccupa soprattutto l’aumento di rifiuti fuori dai cassonetti. In strada ci sono anche rifiuti ingombranti: elettrodomestici, materassi, divani, sedie, televisori, scatoloni, imballaggi voluminosi, … Non si avverte AMIA, che li raccoglie gratis.

Troppe persone rovistano nei cassonetti e sporcano le strade.

Residenti: “Basta furbetti e tolleranza! La città subisce i soprusi di chi non rispetta le norme”. Miglioranzi vuole coinvolgere Confesercenti, Confcommercio, Confartigianato e Confindustria: o fanno la loro parte o faranno i conti con controlli e multe”. Secondo AMIA, l’80% tra commercianti ed esercenti del centro non pratica la raccolta differenziata e getta i rifiuti senza schiacciarli o piegarli per renderli meno voluminosi. “Quante attività e utenze rispettano le prescrizioni?”.

AMIA progetta una squadra di 10 operatori, 5 giardinieri e 5 netturbini, con contratto di 6 mesi, agli ordini di Alfeo, per interventi tempestivi.

Lascia un commento

Archiviato in AMIA, Amministrazione Tosi, Aziende partecipate

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...