Archivi del giorno: 6 novembre 2016

Considerazioni finali di Tito Brunelli. (3)

A ognuno il suo compito. Altrimenti tutto si sfascia

Quando mancano i soldi un Sindaco cosa può fare? Si è assunto degli impegni con i concittadini e cerca di concretizzarli. Può prelevare soldi dalle aziende comunali, impedendo loro di adempiere al loro compito originario ed essenziale, per quanto riguarda AGEC quello di muovere il mercato della casa, mettere a disposizione di chi non l’ha una abitazione, recuperare immobili vecchi e malandati?

Per quanto riguarda AGEC, da quando il Sindaco le ha affidato i nuovi compiti:

– sono importanti le mense scolastiche,

– sono importanti i cimiteri e le onoranze pubbliche,

– sono importanti le farmacie (potevano però restare in gestione al Comune),

– ma prima viene la casa, per chi ne è privo e per chi corre il rischio di perderla o di non trovarla.

E soprattutto prima viene l’onestà.

Quando il sindaco Tosi ha deciso di affidare ad AGEC (meglio: a Sandro Tartaglia) la gestione di settori importanti del servizio comunale, era certo dell’onestà del dg? Si era informato su di lui? E’ vero che Tartaglia era stimato in città, per cui la scelta del Sindaco non ha destato meraviglia. Evidentemente però l’indagine non era andata a fondo e il danno subito ha fatto risaltare la gravità degli eventi. Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in AGEC, Amministrazione Tosi, Aziende partecipate, Parere di Tito Brunelli