Prefetto: altre due interdittive

Novembre 2015. Salvatore Mulas, Prefetto di Verona, firma altre due interdittive antimafia, con lo scopo di “ tutelare il territorio veronese da tentativi di infiltrazioni e per consentire alle aziende sane e produttive di proseguire nella loro attività, sviluppando importanti potenzialità imprenditoriali”. Novità: le precedenti interdittive riguardano l’edilizia. Ora c’è la svolta: l’attività criminale non si muove solo nell’ambito delle opere pubbliche, ma anche in attività commerciali che sembrano aver poco a che fare con i grandi investimenti, come un’anonima tabaccheria e la gestione di locali e ristoranti. Gli accertamenti sono stati compiuti dalla polizia e valutati dal Prefetto. I Comuni, enti erogatori della licenza, sono parte in causa nella decisione di sospenderla o revocarla. Buona parte dei Comuni coinvolti gravitano intorno al lago di Garda, area già in passato nelle attenzioni delle organizzazioni criminali. Verona non appare solo come terra di ‘ndrangheta, ma anche di mafia.

Terza interdittiva. Riguarda Maria Anna Vaccaro, 35 anni, siciliana, gestore di una tabaccheria in via Vasco de Gama, 10 – zona Navigatori – società a responsabilità limitata (srl), con un socio e un dipendente. L’attività è iniziata nel 2010. L’iscrizione alla Camera di Commercio è del 29 ottobre 2013. Dopo l’ultimo controllo (settembre 2014) non è stato concesso il rinnovo della licenza. Da allora la tabaccheria risulta chiusa. La donna è procuratore della Edil Vaccaro Sas, di Vaccaro Giacomo e C, con sede a Villabate – Palermo. In odore di mafia non sarebbe la commerciante, ma i suoi familiari che abitano in provincia di Palermo: del clan dei Brancaccio, il quartiere dove fu ucciso don Puglisi. E’ zona di mafia, regno dei fratelli Giuseppe e Filippo Graviano, capi del mandamento a cui era affiliato Giacomo Vaccaro, arrivato a Verona in libertà vigilata nel 2010, con la famiglia e la figlia Maria Anna. Pregiudicato per reati di stampo mafioso, Vaccaro è stato arrestato poco prima di mettere su casa in riva all’Adige. Accusa: intestazione fittizia di beni e reimpiego di denaro di provenienza illecita, aggravato dalla finalità di favorire Cosa Nostra. Un riciclatore Vaccaro, ritenuto anche socio occulto di alcune imprese edili palermitane. L’interdittiva è scattata su richiesta dei Monopoli di Stato. Quel passato e alcune frequentazioni con personaggi in odore di mafia hanno portato alla firma del provvedimento.

Quarta interdittiva. E’ nei confronti di Francesco Piserà, calabrese, 48 anni, da tempo residente sul Garda, presidente di Gfa srl (oggetto sociale: acquisto, gestione e alienazione di bar, pizzerie, bed and breakfast, paninoteche, gelaterie, sale giochi, garnì, rivendita giornali, e molto altro), titolare di una decina tra bar, ristoranti, pizzerie e attività nella ristorazione e nel turismo, con esercizi pubblici presenti in più Comuni, tra cui Salò, Bardolino e Peschiera, tra Verona e la Lombardia. Il sospetto è che facesse da girandola dei soldi altrui. Non sapeva nulla il proprietario del locale “Taverna del Cantore”-via Fosse, chiuso perché dichiara di non ricevere l’affitto da un anno. Lo stesso, pare, è accaduto con l’appartamento di via Foscolo (Bardolino) dove è registrata la sede di Gfa.

Vincenzo D’Arienzo (PD): “Le interdittive nei confronti di due aziende, di cui una ampiamente radicata, confermano la presenza stabile nel veronese di realtà collegate alla malavita organizzata. Gli inquirenti hanno ampliato il campo di azione fuori dai settori tipici dell’edilizia e della logistica. Il sospetto è che vogliano monopolizzare vari settori economici. Quando uno detiene tanti locali in una determinata zona, come il lago, è reale il rischio che si crei un monopolio concorrente a tutti gli altri, anche di proprietà pubblica. Per fortuna il Prefetto è costante nella prevenzione, a tutela della nostra sicurezza e tranquillità”.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Mafia al Nord, Mafiosi a verona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...