Fatti emersi in recenti indagini

– Vito Giacino, vicesindaco e assessore all’Urbanistica a Verona, è stato condannato, in primo grado, a cinque anni per corruzione.

– Soveco, impresa veronese sospettata di collegamenti con famiglie mafiose calabresi, è presente nei più importanti appalti pubblici gestiti dall’Amministrazione comunale di Verona. Secondo un esposto di Legambiente e dell’Osservatorio Ambiente e Legalità, suo amministratore occulto è Antonio Papalia, con diversi precedenti penali, coinvolto nel 1989 in una indagine per traffico di esplosivi dal sud al nord Italia. Il vicesindaco Giacino, nel 2011, ha acquisito da Soveco un immobile per un valore di 1,7 milioni.

– Novembre 2013. Guardia di Finanza stronca un giro di fatture false tra Verona e Crotone. Evasione accertata: 12 milioni: 15 persone denunciate e sequestro di conti, case, ville e terreni.

– Ottobre 2014. Guardia di Finanza di Reggio Calabria mette i sigilli a due società di trasporti di Nogarole Rocca e arresta uno dei titolari, affiliato al clan Pesce.

– Decine di reati spia sono segno dell’interesse delle mafie per Verona. Si tratta di incendi a beni e strutture (aziende e ville). Un esempio: nel febbraio 2015, a Isola della Scala, è stata incendiata una villa, già di proprietà di Marco Arduini (lo incontreremo più avanti). L’incendio, secondo le prime indagini, risulta di origine dolosa ed è stato oggetto di interrogazione da parte dei parlamentari veronesi del PD. Episodi simili sono avvenuti a Nogarole Rocca e Affi.

– Presenza non sporadica di persone, purtroppo anche amministratori, che hanno avuto contatti con la criminalità organizzata.

– Intercettazioni di telefonate tra esponenti dei clan e alcuni veronesi.

– Infiltrazioni causate dal gioco d’azzardo.

– Commissione antimafia, informative dei Ros (Raggruppamento operativo speciale – Carabinieri) e di alcune Procure hanno accertato che in città ci sono famiglie di riferimento della ‘ndrangheta, che hanno incontrato imprenditori e amministratori, qualcuno vicino a Tosi; hanno organizzato summit di ‘ndrangheta in aziende della nostra provincia; hanno provato a mettere le mani in operazioni urbanistiche (fallimento Rizzi); sono interessate alla gestione di impianti sportivi (Cabianca, San Michele).

 

Pubblicità

Lascia un commento

Archiviato in Mafia al Nord, Mafiosi a verona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...