Posizioni di politici e di forze politiche

(alcuni sono tra i responsabili dei danni arrecati ai nostri aeroporti e ai cittadini)

– Flavio Tosi, sindaco di Verona: “L’aeroporto è importante per le ricadute economiche sulla città. Se si chiedono finanziamenti aggiuntivi, il Comune farà la sua parte. Apriamo ad altri soci e investimenti, sapendo che abbiamo due aeroporti: uno con vocazione prevalentemente a cargo e uno a passeggeri. Proposte: Vito Gamberale, con Sea (Malpensa, Linate) o Enrico Marchi, con Save (Venezia, Treviso) o investitori stranieri. Valuteremo offerta economica e piano industriale”.

Giovanni Miozzi, presidente della Provincia: “La “Catullo spa” deve stringere alleanze, meglio con una gara, per verificare chi è interessato a comprare sue quote. La Provincia ha finanze limitate; non è in grado di sostenere l’azienda né di garantire una proposta di lungo termine. Meglio che venda le sue quote ed esca dalla compagine azionaria”.

Luca Zaia, presidente della Regione Veneto:

“Si sta realizzando un sogno di cui si parla dal 1998: la holding degli scali del Veneto. E’ fondamentale che Save e “Catullo spa” facciano sistema. Save può portare a termine l’operazione L’avanzare delle trattative può interessare altri soggetti innescando una corsa al rialzo. Il progetto di area metropolitana veneta farebbe decollare le potenzialità della Regione”.

Bozza PdL: “Ben vengano privati investitori, con conoscenza, esperienza e capacità nel settore”.

Bolla, presidente Confindustria: “La politica faccia un passo indietro. Gli enti pubblici facciano posto, gradualmente, a privati”.

Stefano Valdegamberi: “Il ‘modello Verona’ somma fallimenti su fallimenti, facendone cadere le conseguenze sull’economia scaligera e sui contribuenti. Negli ultimi anni i debiti del Catullo sono aumentati e i piani industriali che avrebbero dovuto rilanciarne le sorti sono falliti. Montichiari macina debiti. La Ryanair si commenta da sola. La gestione del precedente CdA è sotto la lente della magistratura. In questo scenario i soci pubblici veronesi brillano per l’assenza, fatta eccezione per le estemporanee dichiarazioni sulla necessità di privilegiare alleanze che a giorni alterni cambiano: un giorno bisogna dialogare con Milano; un altro con Venezia; l’altro ancora con il sistema tedesco. Intanto i debiti lievitano e un centinaio di lavoratori di Avio tra un po’ saranno senza lavoro. Questo accade mentre qualche solone, pur di comparire sui giornali, teorizza macro regioni del Nord dopo che non è stato in grado di contribuire alla crescita dell’aeroporto della sua città. Qualcuno forse crede che una fantomatica Regione del Nord possa fare a meno del Catullo? Se è così lo dica e ammetta il proprio fallimento per manifesta incapacità. Dopo un anno dal rinnovo del CdA la situazione continua a precipitare nel disinteresse dei proprietari. Invece di rincorrere le politiche nazionali, bisogna seguire da vicino il territorio. La situazione è drammatica: perdite di bilancio dal 2007, cassa integrazione, crisi di Montichiari. Il Catullo deve essere integrato in un sistema con altri aeroporti del Nord. Questo piano c’era e la politica locale lo ha fatto fallire senza produrre alternative”.

Bernardo Caprotti (Esselunga): “Montichiari, scatola vuota che genera perdite, ha le carte in regola per diventare aeroporto intercontinentale del Nord Italia, sostituendo Malpensa”.

Carlo Fratta Pasini (Banco Popolare): “I Veronesi si sentono al centro del mondo. Abbiamo due sistemi aeroportuali in Veneto: quello veneziano ha ricavi per 45 milioni all’anno; quello veronese perde 26 milioni nel solo 2011”.

Lascia un commento

Archiviato in Aeroporti di Verona, Aeroporto Catullo, Aeroporto D'Annunzio Montichiari

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...