Che ne facciamo delle eredità del passato?

Giugno 2014. L’associazione “Agile” ha catalogato edifici pubblici e privati abbandonati, in degrado, in disuso, finiti nel dimenticatoio: la loro mappatura è pronta. Il fenomeno è esteso e coinvolge spazi strategici della città. I risultati del lavoro vengono esposti a Porta Vescovo. Sono 555 luoghi, per 2.636.000 mq: capannoni abbandonati, vecchie case coloniche fuori dal centro storico, soprattutto a San Michele, ex fortificazioni militari, nuovi complessi residenziali mai completati, numerosi contenitori di pregio.

Il 40% degli edifici è di tipo residenziale, soprattutto in VI e VII Circoscrizione. Le strutture industriali sono il 17,8%. Le aree ex militari il 6,8%.

Luca Scappini, presidente: “Per ora quantifichiamo un dato, attribuendo un nome e una foto a ciascun edificio. Poi individueremo strategie per capire come recuperare alcune realtà e restituire gli edifici a chi li abiterà”.

E’ molto difficile la ricetta per facilitare il ricominciare da capo. Sono in atto casi di riuso, grazie ad associazioni locali, su fortificazioni e spazi industriali. “In questi luoghi è possibile avviare importanti processi di rigenerazione urbana e di promozione di attività culturali e sociali”.

Urgono strategie su come far tornare a vivere luoghi in disuso.

Pubblicità

Lascia un commento

Archiviato in Urbanistica, Verona di tutti i giorni, Verona e il suo Territorio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...