Borgo Roma ha bisogno di bellezza

Maggio 2014. Via Tunisi, 5. Condomini Agec: sono visibili i segni di un incendio nelle cantine: odore acre di fumo; aria irrespirabile; fuliggine che si alza da terra e si inerpica sulla parete esterna del condominio, fino al 5^ piano. I residenti sono delusi, arrabbiati, preoccupati: “E’ così da anni. L’impianto è vecchio. Non ci sentiamo sicuri”. L’azienda nota che gli incendi sospetti sono troppi

Luglio 2014. Manifattura tabacchi – viale del Lavoro. Blitz all’alba di Polizia Municipale e di Polizia di Stato nell’area interna ed esterna dell’ex Manifattura Tabacchi. Trovati 5 abusivi: tre magrebini e due romeni. “Mettiamo in sicurezza l’area circostante all’edificio privato”.

Dicembre 2013. Parco San Giacomo.

L’associazione “Pattinare a Verona” chiede una pista di pattinaggio nel parco. La V^ Circoscrizione è d’accordo. La pista, di 200 metri, in materiale sintetico, con casette di legno per le attrezzature, viene concessa per tre mesi; poi si vedrà.

“E’ lodevole che le associazioni propongano iniziative”.

Minoranze: “Meglio collocare la pista dove non crea intralci e non invade il verde pubblico”.

Maggio 2014. Prusst. Riqualificazione urbanistica tra ex Mercato Ortofrutticolo e Borgo Roma. Con la collaborazione della cooperativa “Energie sociali”, l’’impresario Andrea Marani destina a edilizia sociale la metà dei circa 100 alloggi che realizzerà. Scelta obbligata: “Ultimeremo gli alloggi entro settembre. Quando cominciammo, ci aspettavamo che si riqualificassero anche gli altri tre lotti del Prusst. Non è avvenuto. Intorno a noi c’è il deserto. Il mercato non risponde. Attendiamo ripercussioni positive in campo sociale. Abbiamo dato lavoro per oltre due anni a centinaia di persone. Entro l’anno avvieremo l’assegnazione”.

A fianco del costruttore, il gestore sociale selezionerà gli inquilini sulla base del reddito.

Il parco, realizzato dall’impresa, è di 2000 mq.

Valutazioni di Tito Brunelli

Borgo Roma è il quartiere cittadino che più di tutti ha risentito del travaglio in atto nella nostra città: ampi spazi ex ZAI sono lasciati a se stessi: capannoni ed ex aziende in abbandono. Non è chiara la destinazione di molte aree di quel territorio, un tempo preziose per la crescita economica della città. Borgo destinato al degrado? No. Anzi. L’attesa è che a Verona Sud cresca la nuova Verona, quella nuova, del terzo millennio. Ci sono idee e progetti che lanciano segni di speranza. Il rischio sono iniziative come il nuovo supermercato Esselunga che sorgerà di fronte alla fiera. Se l’Amministrazione non vuole lavorare per un grande progetto che esalti le possibilità di quell’area e di tutta Verona e vende gli spazi al miglior offerente, allora Borgo Roma resterà un territorio da cui è meglio scappare.

Lascia un commento

Archiviato in Commenti, Riflessioni, Verona di tutti i giorni, Verona e il suo Territorio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...