Archivi del giorno: 24 luglio 2014

Valutazione di Tito Brunelli su Ca’ del Bue

Proviamo a dire la verità ?

Di Ca’ del Bue la gran parte dei veronesi non parla, forse perché da anni non si capisce dove sta il problema. C’è chi dice che non funziona e chi dice che funziona. C’è chi dice che l’impianto è di avanguardia e può rendere molto, se si risolvono alcuni problemi e c’è chi dice che è superato e si è trattato di un azzardo imperdonabile.

Estate 2014. La questione maggiore: “Abbiamo speso una marea di soldi per questo inceneritore che non funziona come dovrebbe e venite a dirci che dobbiamo spenderne almeno altrettanti, altrimenti non funzionerà mai”.

Le domane si accavallano:

– perché si sono spesi 125 milioni per un inceneritore che non funziona?

– chi garantisce che, spendendone altri 150, poi tutto procederà bene?

– chi metterà a disposizione questi soldi?

Il gruppo Urbaser ha vinto la gara e si impegna a rinnovare gli impianti; dice di accollarsi tutta la spesa, con un project financing. Le perplessità ci assalgono. Se ce n’era bisogno, dopo gli eventi di questi anni abbiamo capito che il privato non ci mette i soldi come beneficienza, rimettendoci in proprio: Urbaser investe per guadagnare. Il sindaco Tosi deve dirci, in modo comprensibile per tutti i cittadini, quali accordi ci sono. Non è facile. Finora di chiaro c’è stato poco.

Il Comune non ha i soldi per coprire le spese di Urbaser. Le banche non anticipano cifre del genere, tanto più per un’opera che lascia molti dubbi e non garantisce il successo. La gestione dell’inceneritore per 25 anni (è questo l’accordo) dà ad Urbaser la certezza di guadagno? Se la risposta è ‘no’ o è incerta, come pare ai più, ci devono essere altre entrate e accordi che garantiscono a Urbaser di guadagnare. Dobbiamo sapere quali. Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Cà del Bue, Commenti, Inceneritore, Riflessioni