Archivi del giorno: 20 luglio 2014

Viva le teste dure: avanti decisi, senza confronto

Il Tar del Lazio ha parlato e ha bocciato la richiesta di incentivi Cip6 per Ca’ del Bue.

AGSM però non molla e ricorre al Consiglio di Stato.

Chi aspettava l’ammissione che l’inceneritore non è più economicamente sostenibile né vantaggioso per la città resta deluso: niente pietre tombali.

Anzi: AGSM rilancia la sfida al Consiglio di Stato e in Regione.

Paternoster: “Confermo le parole dette. Ma l’azienda ha il dovere di tentarle tutte prima di abbandonare un progetto già costato parecchio. Ci appelliamo al Consiglio di Stato e diffidiamo la Regione per sapere con esattezza quanti rifiuti ci vuol far trattare. Per decidere abbiamo bisogno di dati precisi. Poi potremo valutare e decidere se costruire l’impianto. 150.000 tonnellate di rifiuti all’anno non sono abbastanza per mantenere la tariffa a 140 euro”.

Il sindaco Tosi è d’accordo: bene il ricorso al Consiglio di Stato per vedersi riconosciuti gli incentivi Cip6. “Se AGSM si vedrà assegnare i Cip6 e la Regione riconoscerà la quantità di 190.000 tonnellate di rifiuti da bruciare previste a Ca’ del Bue (non le 150.000 che ha assegnato dopo) bene. Diversamente Regione e Stato ne risponderanno. I termovalorizzatori sono l’unico sistema testato per produrre energia con i rifiuti. L’alternativa? Le discariche. Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Cà del Bue, Inceneritore, Infrastrutture, Urbanistica