Archivi del giorno: 10 luglio 2014

Chi vuole Ca’ dal Bue?

 

Aprile 2014. Enrico Toffali assessore agli enti partecipati di Verona: “L’inceneritore di Ca’ del Bue non è una scelta del Comune di Verona; è stato voluto dalla Regione con il Piano regionale di gestione dei rifiuti. Il Comune è solo il soggetto che attua la decisione regionale. L’abbiamo ereditato dalle Giunte precedenti. La nostra responsabilità sta nell’aver dato razionalità e funzionalità al progetto. Abbiamo voluto che il Piano prevedesse un solo soggetto che si prendesse in carico l’impianto e lo gestisse. Dal 2007 la burocrazia ha modificato le carte in tavola: è stato ridotto il Piano rifiuti e sono stati cancellati i contributi dello Stato”.

I Sindaci anti inceneritore (San Martino Buon Albergo, San Giovanni Lupatoto e Zevio): “Abbiamo seri dubbi che la Regione abbia voluto Ca’ del Bue, realizzato da tangentisti veronesi degli anni 80, condannati. Tosi la smetta di nascondersi dietro la Regione. In Regione comanda lui in quanto segretario regionale della Lega Nord. Quando l’assessore regionale all’Ambiente, di questo partito, disse che un nuovo inceneritore non serve, venne zittito dai capi partito e fu costretto a una patetica retromarcia. Gli inceneritori esistenti in Veneto sono più del necessario; uno nuovo non serve. La verità è che a Verona fanno gola i milioni che incassa ad esempio il Comune di Brescia bruciando rifiuti. Ma la salute della gente non ha bisogno di nuove fonti inquinanti. Abbiamo fatto il possibile per far ragionare chi è accecato da illogiche valutazioni. Tosi non ha mai accettato un confronto pubblico. Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Cà del Bue, Inceneritore, Urbanistica