Parco Scientifico e Tecnologico Obiettivo: ricerca e innovazione

L’Amministrazione Tosi lo cancella. Continua però a pagare gli stipendi al Presidente e ai suoi collaboratori. 

Anno 1999. Veneto Innovazione; Consorzio ZAI; Comune, Provincia, Università e Camera di Commercio di Verona avviano il “Parco Scientifico e Tecnologico” (Star) in ZAI, in uno spazio di 400 mq per i laboratori. Il nome richiama innovazione, ricerca e strumentazioni all’avanguardia, al servizio della scienza e delle imprese, per lo sviluppo del territorio, in collaborazione con Università e associazioni degli imprenditori. Il Parco Star dovrebbe anche affittare spazi e gestire e fornire servizi alle aziende.

Raffaello Vinco: “Star è importante per diffondere cultura scientifica tra le imprese. Fare ricerca costa: non si può pensare a un ritorno immediato”.

Il bilancio, fin dall’inizio, è in rosso: risultati non soddisfacenti:

– anno 2001: passivo di 129.000 euro

– anno 2008: passivo di 461.000 euro

– anno 2009: stessa situazione

– anno 2012: il Parco non ottiene risultati e accumula debiti

– negli anni intorno al 2010, Star chiude con perdite annue di oltre 300.000 euro e ricavi quasi nulli.

Il Parco non è mai stato aperto; la ricerca non è decollata; i laboratori sono stati sempre chiusi. Non è mai stata chiara la sua ‘mission’.

E’ necessaria una svolta.

Il sindaco Tosi, nel 2007, ha nominato presidente Maurizio Filippi: ex tabaccaio, forte solo della militanza leghista. Il suo curriculum professionale non pare il profilo ideale per dirigere il Parco. La sua posizione è subito chiara: “E’ inutile sprecare soldi per un carrozzone in perdita, incapace di dare l’impulso sperato. Meglio che faccia ricerca l’Università”.

Dalle parole ai fatti: Filippi dismette i laboratori e vende le strumentazioni scientifiche. La sua presidenza pare destinata a essere l’ultima. Intanto Presidente e Consiglio di Amministrazione restano in carica e gli stipendi vengono pagati.

Il consigliere regionale Valdegamberi: “Star, in abbandono e senza un piano di sviluppo, accumula debiti. Politica e imprenditoria veronesi, interessate a occupare poltrone nei CdA più che a produrre progetti validi, trascurano questo strumento che altrove rappresenta un volano per la ricerca e lo sviluppo economico. Il Presidente, che dovrebbe dirigere il Parco, è anche consigliere ZAI (37.600 euro all’anno), consigliere della “Quadrante servizi” (16.500 euro), consigliere di amministrazione di Inlog (partecipata di ZAI), presidente di “Veronesi nel mondo”: accumula indennità.”

 

Parola d’ordine del Sindaco per le aziende comunali partecipate: occupare potere e poltrone con uomini fidati, senza guardare ai curriculum, senza preoccuparsi se Verona perde opportunità che altre città hanno saputo cogliere. Continuano le perdite di bilancio del Parco: è una netta sconfitta per il sistema Verona e per le associazioni economiche che subiscono questa gestione del potere: l’andazzo affossa la città. Pagheranno le future generazioni.

 

 

 

 

2 commenti

Archiviato in Amministrazione Tosi, enti economici veronesi, Eredità Tosi, La Verona del sindaco Flavio Tosi, Verona che non cambia

2 risposte a “Parco Scientifico e Tecnologico Obiettivo: ricerca e innovazione

  1. Eduardo

    Ma il Parco, ad oggi, funziona o no??

    • progettoverona

      Il Parco Tecnologico è stato eliminato dall’ex sindaco Tosi, che lo ha ritenuto una spesa inutile.

      L’idea però non è morta: alcuni veronesi continuano a riproporla. Passeranno comunque parecchi anni.

      Mi dispiace ma allo stato attuale è tutto fermo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...