Archivi del giorno: 10 maggio 2014

15 dicembre 2013: Entra in vigore il nuovo orario cadenzato. Come va?

Primi giorni: caos e incubo:  treni in ritardo crescente, corse soppresse, convogli strapieni, insufficienti a contenere tutti i passeggeri, disservizi, come vagoni sporchi e privi di climatizzazione.

Viaggiatori infuriati. Molti sono rimasti a piedi.

I pendolari veneti spendono ore e ore sui binari.

Chisso: “Male. Battesimo non soddisfacente”.

Fine dicembre. Continuano le polemiche, ma la situazione migliora, soprattutto per la puntualità.

Lavoratori e studenti pendolari evidenziano le falle della nuova programmazione:

– le linee entro i confini della regione, specialmente quelle verso est, in particolare a Venezia, sono state potenziate.

– le linee a scavalco tra Lombardia e Veneto e sulle tratte ovest risultano penalizzate.

– sono sfavorite le piccole stazioni (i convogli si fermano meno) a favore degli scali principali.

– coincidenze sfavorevoli.

Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Collegamenti ferroviari, Eredità Tosi, Il trasporto pubblico, Infrastrutture, La Verona del sindaco Flavio Tosi