Commissione consiliare di inchiesta: Sì o no?

 

Bertucco: “La Commissione dovrà esprimersi su parentopoli, caso AGEC, vicenda Giacino. Bisogna dare nuove linee di indirizzo al Comune e alle Partecipate per evitare il ripetersi di situazioni simili. In questo la Commissione si differenzia dalle inchieste giudiziarie (si limitano a sradicare l’eventuale male senza riabilitare il paziente) e dal pool di professionisti proposto dal Sindaco (avrebbe scarse possibilità di manovra dato che tutti gli atti dell’inchiesta sono secretati)”.

Massimo Piubello (Lista Tosi): “Una commissione sarebbe senza confini e senza metodo. Vogliamo chiarezza; ma mettere insieme vicende come quella di AGEC o delle assunzioni nelle aziende con il riesame di atti urbanistici creerebbe confusione. La proposta della minoranza è solo politica”.

Barbara Tosi: “Meglio affidare il compito a tecnici esterni. La commissione è un di più; rischierebbe di interferire col lavoro della magistratura e ingesserebbe l’attività amministrativa”.

Polato (Forza Italia): “Se non serve la commissione non servono neppure i saggi di Tosi, che prima parla di atti legittimi e poi chiede di affidare la questione a dei saggi: se gli atti sono legittimi a che servono i tecnici? Se lui ha dubbi, è doveroso sospendere tutte le decisioni prese finora”.

Il 13 marzo, in Consiglio comunale, la maggioranza (Lista Tosi e Lega Nord) presenta una proposta di mediazione: affidare ai capigruppo di tutti i partiti la verifica sulle procedure seguite in materia urbanistica, con accesso agli atti, anche riservati e con la possibilità di convocare, per le audizioni, tutti i soggetti utili a fare chiarezza. Tempo: 6 mesi per depositare la relazione conclusiva.

Le minoranze. Sì a una condizione: la presidenza va a un rappresentante delle opposizioni.

Zanotto, presidente del Consiglio comunale, respinge la richiesta.

Torna la guerra totale. Il 20 marzo 2014. Il Consiglio comunale dice “no” alla Commissione d’indagine, tra urla e contestazioni. Lo scontro è su chi presiederà la Commissione. Secondo le minoranze deve essere persona espressa da loro. Secondo la maggioranza deve essere il Presidente del Consiglio comunale Luca Zanotto. Tuona Michele Bertucco: “E’ gravissima l’assenza del Sindaco. La modifica del Piano Casa 2010 riguardava solo un immobile: l’abitazione di Giacino. Come non indagare?”

Voto: 13 “sì” (PD, M5S, Udc, Forza Italia); 19 “no” (Lega Nord e Lista Tosi) e due astenuti: (Castelletti e Zanotto).

Una domanda: i voti espressi sono stati 34. E gli altri 12? Perché la maggioranza non è compatta?

Viene approvato un ‘ordine del giorno’ della maggioranza per un “approfondimento” sulla regolarità delle delibere urbanistiche, affidato ai capigruppo. Le minoranze annunciano che non parteciperanno.

 

Lascia un commento

Archiviato in Caso Giacino, Urbanistica, Vicende giudiziarie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...