Archivi del giorno: 4 aprile 2014

Il caso Giacino scuote il Comune: Come uscirne?

 

Marzo 2014. Il sindaco Tosi incarica Giovanni Sala di verificare la correttezza delle procedure urbanistiche che hanno portato all’approvazione delle delibere oggetto dell’inchiesta Giacino, con la possibilità di sospenderle se emergessero illeciti o dubbi. Sala dovrà capire se l’imprenditore Leardini ha ottenuto favori illeciti, tali da inficiare la correttezza dei permessi ottenuti.

La prima delibera di Giunta da considerare è la 351 del 23-11-11: Agec chiede una modifica del piano urbanistico attuativo (Pua) dell’area Peep di San Michele: trasformare 4.000 mc dall’uso commerciale a quello residenziale. Quei lotti sono della “Legnaghese” di Leardini, che attende invano dal Comune gli indennizzi per gli espropri. Leardini aveva richiesto quella variante l’anno prima visto che la parte commerciale era poco appetibile; ma il 5-8-10 se l’era vista respingere. Un diniego che, a suo dire, aveva imbarazzato i funzionari del Comune che avevano assicurato l’accoglimento. Nei mesi precedenti Leardini aveva ritardato il pagamento a Giacino dell’ultima tranche da 50.000 euro di una tangente di 300.000, “per prendere tempo e non apparire troppo accondiscendente”; atteggiamento che aveva irritato Giacino. Dopo quel diniego, Laeardini consegna la somma in contanti nelle mani della Lodi. L’anno dopo la variante verrà regolarmente approvata.

Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Caso Giacino, Urbanistica, Vicende giudiziarie