Archivi del giorno: 25 marzo 2014

La coppia Giacino – Lodi

Da più di un anno, il rapporto tra i due era stanco. Lui molto impegnato; lei, giovane e bella, coltivava un rapporto sentimentale con un amico. Non prevede la separazione perché teme di perdere il benessere costruito col marito. “E’ piacevole passare dal tonno al caviale; è duro tornare indietro: dal caviale al tonno”. Teme di tornare a guadagnare poco. Il marito rappresenta la sua unica opportunità. Lei ripete: “Voglio crearmi la mia indipendenza”. Nei tre mesi tra le dimissioni di Giacino e l’arresto, la coppia si ricompatta.

Le complicità tra i due. Entrambi aspirano a una posizione sociale elevata, all’agiatezza, al lusso. Dispongono di una casa gioiello climatizzata, dove tutto si controlla con il telecomando; di denaro, belle auto, abiti firmati, arredi signorili (pare che per arredare l’attico abbiano speso 200.000 euro), scarpe e borse; di una palestra attrezzata (una vera passione o ossessione per lei), di una zona dedicata al benessere del cane e, si vocifera, di una piscina. Frequentano ristoranti di lusso e serate di gala: un mondo sfavillante. Una vita da sogno. Tutto per merito della politica e del potere.

La Lodi è l’ intestataria dei due appartamenti di via Isonzo, acquistati nel 2010. Da alcuni anni non spendevano denaro proprio: non risultano prelievi dal loro conto corrente.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Caso Giacino, Urbanistica, Vicende giudiziarie