Archivi del giorno: 23 marzo 2014

Nota conclusiva di Tito Brunelli sul caso Giacino

Questa nota è stata scritta prima che Vito Giacino e signora fossero arrestati. Non la modifichiamo perché l’aver precorso i fatti le attribuisce maggiore valore morale.

Spetta alla Giustizia decidere su eventuali responsabilità penali di Vito Giacino. Spetta a tutti i cittadini e, in particolare, al mondo politico valutare in fatti accaduti ed esprimere un giudizio, cosa che da tempo non si fa.

Primo. Un amministratore pubblico, durante il suo mandato, può realizzare lavori milionari nella sua abitazione? Parecchi amministratori e cittadini dicono “sì”, in base all’idea che ogni persona, nella sua vita privata e per quanto riguarda i suoi beni, può muoversi e decidere come crede. Altri (io sono tra questi) sostengono che la responsabilità nei confronti della popolazione esige che un amministratore non compri o recuperi beni, soprattutto se immobili e costosi, durante il suo mandato. Non può un amministratore in carica acquistare terreni, costruire case o capannoni, avviare attività costose. Altrimenti alcuni o molti cittadini possono pensare che prima del suo ingresso in politica non aveva i soldi e gli appoggi e adesso li ha. E’ dovere di chi assume ruoli politici o amministra i beni comuni comportarsi in modo che nessuno possa solo dubitare che ci sia anche il minimo interesse privato.

Secondo. Un amministratore pubblico in carica può assegnare lavori che riguardano sue proprietà ad aziende Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Caso Giacino, Indagini giudiziarie, Riflessioni, Urbanistica, Vicende giudiziarie

A VERONA C’E’ IL BENZINAIO COMUNALE

Nota della Redazione: A completamento dell’articolo precedente, che tratta anche dei rapporti tra AGSM e BPP, si ripropone l’intervento del prof. Roberto Ricciuti, già pubblicato su questo blog il giorno 12 marzo 2014.

Descrizione del caso

Nel 2012 è stata costituita la società A&B Srl, operativa nel commercio di carburanti per autotrazione. AGSM Verona Spa partecipa con una quota del 55%, la restante quota essendo della BPP (Bussinello Prodotti Petroliferi) una società privata fondata da un imprenditore veronese nel 1952, attiva nella commercializzazione di prodotti petroliferi, biocombustibili e gas naturale in Italia e all’estero. (3)

AGSM by BPP, il marchio commerciale della società, oggi ha quattro distributori: tre a Verona ed uno a Legnago. Il piano di crescita prevede l’apertura di numerosi distributori, soprattutto sul territorio veronese. AGSM by BPP intende offrire prezzi più bassi di 15 c€/litro rispetto ai principali marchi. La società stima, ipotizzando di erogare nel 2013 36.500.000 di litri di carburante, di far risparmiare al territorio veronese circa € 5.500.000.(3)

  1. http://www.agsm.it/Societ%C3%A0/Chisiamo/Gruppo/tabid/84/language/it-IT/Default.aspx
  2. http://www.agsm.it/Societ%C3%A0/Chisiamo/Profilo/tabid/522/language/it-IT/Default.aspx
  3. http://www.agsm.it/Home/News/AGSMbyBPP/tabid/763/language/it-IT/Default.aspx

Valutazione

I carburanti per autotrazione non sono un bene meritevole di una fornitura pubblica per ragioni legate alla natura del bene, o a possibili esternalità, quindi non si possono riscontrare motivi favorevoli ad un intervento pubblico, sebbene attraverso la forma societaria.

Dal punto di vista del mercato, nella città di Verona vi sono 97 distributori, di questi 26 non sono collegati ai principali marchi del settore, tra cui i 3 di AGSM by BPP (fonte: PrezziBenzina.com). Anche escludendo questi ultimi, il mercato sembra sufficientemente variegato e concorrenziale, Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in AGSM, Aziende partecipate, Caso Giacino, enti economici veronesi, Vicende giudiziarie