Archivi del giorno: 22 febbraio 2014

Risponde il sindaco Tosi

Su Michele Croce. “Croce venne rimosso perché ha speso soldi dei cittadini per rifarsi l’ufficio. Si rischia di far passare per martire uno che ha sperperato i soldi di tutti. Fece le sue denunce dopo che gli fu chiesto di rimborsare le spese”.

Sul caso AGEC: “Conosco Tartaglia da 20 anni: ha goduto della fiducia mia e dei sindaci Sironi e Zanotto. Il rispetto, dal punto di vista umano, gli è dovuto. Prima di esprimermi attendo gli sviluppi dell’indagine. Il rischio è che si pronunci una condanna prima che il processo cominci. E’ un errore condannare prima di accertare i fatti. Aspettiamo di sapere qualcosa di più prima di gettargli la croce addosso. E’ giusto rispettare le persone per il loro lavoro: in AGEC operano dipendenti pubblici che lavorano da anni.

Le segnalazioni dei disservizi alle mense scolastiche sono giunte prima degli arresti. Le abbiamo inviate ad AGEC con la richiesta di diffidare le ditte incaricate del servizio. Abbiamo istituito una commissione ispettiva formata da Comune e AGEC. Ora è importante dare continuità all’attività dell’azienda”.

Partito Democratico: “Si impone una seria riflessione politica sulla gestione delle aziende Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in AGEC, Aziende partecipate, Eredità Tosi, Indagini giudiziarie, Vicende giudiziarie