Archivi del giorno: 9 febbraio 2014

Un po’ di storia di AGEC

L’Azienda gestione edifici comunali (AGEC) è nata a Verona il 6-12-1909. Si occupa di edifici comunali e dell’assegnazione di case popolari. Negli ultimi 15 anni ha assunto nuove competenze, triplicando il numero dei dipendenti e maneggiando molto denaro. Dal 1996 lo statuto di AGEC è stato modificato 7 volte per accogliere nuovi rami d’azienda che il Comune, socio unico, le cede per tornaconto contabile. Al vertice, ininterrottamente, c’è il direttore generale Sandro Tartaglia, sempre più potente, architetto della crescita dell’azienda; crescita che ha fatto comodo ai sindaci Michela Sironi e Paolo Zanotto e soprattutto a Flavio Tosi: il Comune ha aggiustato il suo bilancio, trasferendo ad AGEC servizi e personale e incassando in cambio denaro contante: partite di giro, senza nessuna entrata di euro, a vantaggio delle casse comunali.

Sono andate ad AGEC le farmacie comunali, per 40 milioni presi nelle casse di AGEC; esborso che ancora oggi costringe l’azienda a chiudere i bilanci in perdita: 6 milioni di rosso nei conti del 2012. AGEC era proprietaria del solo palazzo Diamanti; oggi, grazie al Comune, possiede immobili per oltre un centinaio di milioni, fatto che le permette di accendere mutui e di indebitarsi con le banche, come è avvenuto con il mutuo di 25 anni per l’acquisto delle farmacie.

Il boccone più grande, nel 2009, è l’affido della gestione delle mense scolastiche e dei circa 500 dipendenti, Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in AGEC, Aziende partecipate, enti economici veronesi, Eredità Tosi