Pedonalizzazione in centro storico: timido avvio

Con l’Amministrazione Tosi tornano le auto in piazza Bra e diventa pedonale via Stella.
A differenza di anni fa, anche tra i commercianti, cresce la voglia di trasformare la città antica in area pedonale, con plateatici al posto delle auto, a partire dai fine settimana e dai giorni festivi.
Agosto 2013: esperimento in corso Santa Anastasia e in via Pellicciai: plateatici; sedie e tavolini; stop alle auto dalle ore 10 alle 12,30 e dalle 15 alle 19,30 (orario di apertura dei negozi).
Adriano Merlin, presidente del Comitato Centro storico, parla di passi concreti “verso la città antica a misura di piede. Si respira!”. Molti residenti e commercianti sollecitano scelte definitive e una commissione comunale che prepari il riordino, con l’obiettivo di rendere attrattivo il centro storico. Attaccano i centri commerciali a due passi dal centro. Vedono come modello la pedonalizzazione nelle città europee, con il centro trasformato in polo dello shopping. Da sola, la pedonalizzazione non salva le attività commerciali; va però nella giusta direzione vedere turisti mano nella mano, famiglie che mangiano il gelato, comitive, ciclisti. Occorre un progetto di arredo cittadino.
–  Settembre 2013. Si riunisce la Commissione tecnica con le due associazioni dei commercianti, il Comandante della Polizia municipale, l’assessore al traffico e il Comitato dei cittadini del centro storico: ha due mesi per preparare un progetto organico della mobilità cittadina. L’Amministrazione giudica positivamente il test estivo e la pedonalizzazione del centro, con prudenza però.

L’assessore Corsi annuncia possibili limitazioni del traffico nelle vie Scala, IV Spade e Catullo. “Si deve tener conto però di migliaia di residenti e di centinaia di attività commerciali: prudenza, senza strappi”. In agosto sono state 8.490 le multe per ingresso abusivo in ZTL: il 60% di veronesi.
Paolo Arena, presidente di Confcommercio: “Corsi annuncia i provvedimenti da adottare prima di confrontarsi con le categorie; se usa la commissione per comunicarci decisioni già prese, non perderemo il nostro tempo. Una cosa è la pedonalizzazione, altra è una limitazione del traffico. Siamo favorevoli a un centro commerciale nell’ansa dell’Adige”. Corsi: “I provvedimenti andranno in Giunta comunale solo dopo il confronto con le categorie interessate. Non si può chiudere del tutto alle auto l’ansa dell’Adige. Occorre tener conto di un migliaio di attività economiche”. Saverio Spangaro – Lista Tosi: “A parte i 20.000 residenti e gli autorizzati, la zona dentro l’ansa dell’Adige va chiusa alle auto”. Silvano Meneguzzo, Confesercenti: “Siamo favorevoli alla chiusura totale del centro alle auto e a rivedere l’accesso alla ZTL”.

Le posizioni sono diverse, ma c’è la volontà di individuare soluzioni, conciliando le esigenze.
Bertucco (P.D.): “Per la chiusura totale sembra non esserci spazio. La Giunta non ha intenzione di pedonalizzare la città antica. Il Piano generale del traffico non ne fa cenno. Per Enrico Corsi sono impossibili soluzioni drastiche. Semmai le auto entreranno in centro a pagamento: se paghi puoi inquinare. Non si tratta solo di pedonalizzare; bisogna migliorare e potenziare piste ciclabili e trasporto pubblico”.

Pubblicità

Lascia un commento

Archiviato in Eredità Tosi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...