Archivi del giorno: 25 luglio 2013

Per affrontare il problema sicurezza si deve puntare su altro

Ma chi se ne rende conto e compie le scelte conseguenti?

Il fatto è che c’è una seconda città, che vive in parchi, strade secondarie, portici, androni. Chi vive e popola questa città forma una comunità a parte. Si tratta di persone sconfitte dalla vita; di barboni, tossicodipendenti, alcolizzati, nomadi; di delinquenti comuni e organizzati.

Il degrado che rende ‘diversa’ questa seconda città induce molti a evitarla, soprattutto quando scende il buio. “Queste persone, spesso senza tetto, sono nella ‘loro’ città tutti i giorni, in numero variabile. I parchi sono la loro casa. I problemi tra le due città iniziano quando queste persone bevono troppo e diventano irascibili. “Capita di vedermeli entrare in negozio urlanti e arrabbiati. E io li spingo fuori. Non voglio che importunino i miei clienti. Paura? Anche. Però mi infastidisce di più lavorare nel degrado: fanno i loro bisogni dove capita; nei vicoli attorno c’è odore di latrina; ci si ritrova lo sporco a ridosso del negozio. Ci si sente circondati. Il giardino è a settori: a sinistra i nomadi; a destra i tossici; in quell’angolo gli ubriachi. Sopportiamo quotidianamente piccoli furti, senza sporgere denuncia. Ma se si comincia con le rapine, allora non ci stiamo più”. Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Amministrazione Tosi, Questione sicurezza