Politiche 2013: tre obiettivi (4)

simbolo_udc_b

In vista delle elezioni politiche del 24-25 febbraio ci battiamo per tre obiettivi: 

Mario Monti Presidente del Consiglio

Stefano Valdegamberi alla Camera dei deputati

Tito Brunelli consigliere della Regione Veneto al posto di Valdegamberi

4) 18 mesi fa chi l’avrebbe mai pensato e detto? Da quando siamo in campagna elettorale non è più così, purtroppo, ma nell’anno del governo Monti ogni giorno abbiamo sentito parlare e abbiamo parlato di Europa. Spesso negativamente e con ignoranza, ma ne abbiamo parlato. Era inimmaginabile quando erano al governo Berlusconi e Bossi. Si parlava di Unione Europea in occasione delle elezioni del Parlamento comunitario, ma non era l’Europa al centro: anche quelle europee erano elezioni che servivano soprattutto per misurare la forza e lo stato di salute del governo nazionale. Gli eletti al Parlamento europeo chi li conosce? Chi si interessava di come svolgono il loro ruolo? Pochissimi, a partire dai mass media, ci aiutavano a capire l’importanza dell’Europa, presentata per lo più come guastafeste. Oggi parlare di mercato europeo, di banca centrale europea, di un’Europa presente e attiva è normale. Un miracolo! Stiamo comprendendo che ciò che accade in Grecia, in Portogallo, in Germania influisce in modo decisivo sulla nostra vita quotidiana. Abbiamo imparato a conoscere i volti dei protagonisti del dibattito continentale. Come è stato possibile? I motivi sono molti, collegati con la crisi economica, sempre più planetaria. Certamente però la figura di Mario Monti è stata fondamentale per questa nuova consapevolezza: ci ha accompagnati a capire che possiamo crescere solo se procediamo insieme. Abbiamo capito che l’Italia, da sola, ha un futuro certo: la miseria. A questo punto sono sparite parole da anni al centro del confronto politico: Padania, federalismo (buono in sè, ma vissuto come chiusura mentale), “paroni a casa nostra”, sicurezza (doverosa, ma che non deve significare esclusione).

Sarebbe triste tornare indietro. Sarebbe triste tornare a vedere l’Europa come uno dei tanti temi della politica nostrana, roba da esperti. C’è molta strada da fare. Mario Monti è la garanzia perché la si percorra.

Tito Brunelli

(continua)

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Elezioni politiche 2013

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...